Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 8 - 14 mag 2014
ISSN 2037-4801

Libreria

Un corpo a pezzi

Un corpo a pezzi

Spesso tendiamo a identificare l’ansia con lo stomaco nel quale ne avvertiamo i sintomi o l’amore con i battiti del muscolo cardiaco. Come Edoardo Boncinelli spiegava in una recente intervista sull’Almanacco della scienza, la collocazione di emozioni e sentimenti negli organi del nostro corpo è inevitabile, ancorché errata o quanto meno imprecisa dopo secoli di cultura umanistica che ce l’ha tramandata come un pensiero istintivo.

Francisco Gonzàlez-Crussì nel suo 'Organi vitali’ non smentisce queste percezioni con la supponenza del clinico ma si limita ad accompagnarle con una serie puntuale e minuziosa di informazioni. Il libro è colto ma di grande piacevolezza per come affronta un tema trasversale a scienza, letteratura e considerazioni comuni.

Nel Don Chisciotte, per esempio, Miguel de Cervantes fa dichiarare a Sancio che “la pancia mantiene il cuore e non il cuore la pancia”, mentre le leggende di Menenio Agrippa e del Coriolano di Shakespeare, che dà la parola allo stomaco, non sono relegate ad astratte fantasie ma recuperate nel loro significato profondo. “Il corpo non è una macchina”, spiega l’autore, e quindi “il lato fantastico rispunta ostinatamente fuori”; del resto anche “la malattia è in larga misura una costruzione sociale”.

A questo idem sentire sfuggono però contraddizioni come quella per la quale l’apparato cardio-circolatorio, assume una dignità superiore a quello che si occupa dell’elaborazione del cibo anche se i Romani chiamavano 'cardia’ la “bocca dello stomaco” per via della sua prossimità al cuore. Si è insomma affermata “l’idea di una gerarchia degli organi interni”, spiega Gonzàlez-Crussì: “Taluni hanno onorato la supremazia del cervello: altri hanno elevato il cuore alla più alta dignità, contestualmente vituperando gli intestini quale canale di scolo dei rifiuti”.

Le molte idee fantastiche e i simbolismi legati ai vari organi dovrebbero però legarsi a un atteggiamento “più consapevole del didentro del corpo”, nel quale la scienza diventi protagonista. Anche per contrastare atteggiamenti quale la “riduzione a oggetto” dell’uomo, recuperandone “la fondamentale indivisibilità”.

Marco Ferrazzoli

titolo: Organi vitali
categoria: Saggi
autore/i: Gonzlez-Cruss Francisco
editore: Adelphi
pagine: 339
prezzo: € 18.00