Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 15 - 30 ott 2013
ISSN 2037-4801

Libreria

La società è mobile<br />

La società è mobile

Velocità è la parola d’ordine della nostra società, dominata dai beni materiali e dall’'istantocrazia’, come racconta il sociologo e giornalista Giorgio Triani in 'Il futuro è adesso’.

La 'mobilità’ nell’accezione corrente è un’espressione che nell’Ottocento neanche esisteva: lo spostamento delle persone e delle merci si indicava come 'circolazione'. Il termine 'mobile’, introdotto da Galileo Galilei e riferito a corpi materiali accelerati dall’esterno, investe l’intera struttura sociale, caratterizzata da ritmi sempre più incalzanti e dalla ricerca urgente del 'tutto e subito'. E il cambiamento non riguarda solo i prodotti di consumo, ma anche gran parte di ciò che finora era stato 'fisso': dal lavoro al matrimonio, dalle vacanze agli oggetti di una vita.

L’autore parla della proliferazione di prodotti hi-tech e della velocizzazione degli atti di consumo, della miniaturizzazione degli oggetti, tra cui smartphone, iPad e tablet sempre più tecnologici, che permette di svolgere più attività contemporaneamente. Nello stesso tempo, altri oggetti però aumentano di dimensione, come le automobili multifunzionali che diventano case e uffici. All’accelerazione del ritmo della vita corrisponde un aumento degli spostamenti nell’Europa comunitaria, i pendolari sono passati dai 35 milioni del 1990 ai circa 60 milioni attuali e in Italia dagli 8,7 milioni ai quasi 15 milioni attuali.

Colpisce, questo aumento dei trasferimenti fisici, in una società in cui la tecnologia è sovrana: le 'app’ scaricate dal 2008 (anno in cui sono nate) a oggi sono circa 38 miliardi. Per il futuro, oggetti come i 'Google glass’ annunciano una prospettiva quasi fantascientifica: le loro lenti a contatto con internet incorporato consentiranno di ricevere informazioni continuative su quello che ci circonda, dagli alimenti in un ipermercato alle rovine durante una gita archeologica.

Anche le comunità, o meglio le 'community’, sono mobili e costituiscono vere e proprie 'tribù internettiane’, che a differenza delle tribù di qualche decennio fa, come quelle degli yuppie negli anni Ottanta, si formano all’improvviso e altrettanto velocemente si sciolgono.

Un futuro che è già presente e che rappresenta un’anticipazione del nuovo millennio, il cui inizio è previsto idealmente nell’anno 2015, quando le nuove tecnologie saranno all’apice del successo.

Viola Rita

titolo: Il futuro adesso
categoria: Saggi
autore/i: Triani Giorgio
editore: San Paolo
pagine: 134
prezzo: € 12.00