Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 26 feb 2020
ISSN 2037-4801

Recensioni

Infosfera: on line oppure on life?
Saggi

Infosfera: on line oppure on life?

Da Anassimene a Socrate, da Kant a Hegel, la filosofia ha preso sulle proprie spalle un gravoso compito: interrogarsi sulle questioni della vita e del mondo e offrire strumenti utili all'analisi e alla comprensione dell'esistenza. Non significa che questa disciplina si occupi in modo esclusivo di questioni metafisiche, dal momento che è fortemente legata al suo tempo, celata anche nelle questioni quotidiane e adatta a spiegare eventi ordinari.

Ma allora, lungo il percorso della filosofia, che evolve assieme all'umanità, come si colloca l'indagine filosofica dell'era online o meglio “onlife”, come la definisce Luciano Floridi, professore ordinario di Filosofia ed etica dell'informazione all'Università di Oxford e presidente del Data ethics group dell'Alan Turing Institute? Coniando questo neologismo, il filosofo contemporaneo Floridi vuole descrivere la nuova condizione umana in un'epoca in cui si è andato sgretolando il muro tra reale e virtuale, in un mondo in cui la linea divisoria tra online e offline è labile e quasi inesistente. E lo fa nel suo ultimo libro, “Pensare l'infosfera” (Raffaello Cortina), recentemente presentato e accolto con entusiasmo in un ciclo di lezioni al teatro Franco Parenti di Milano. L'opera è la terza della tetralogia sui fondamenti della filosofia dell'informazione; è stata preceduta da “The Philosophy of Information” e “The Ethics of Information”, mentre il quarto volume, 'The Politics of Information', è in fase di stesura. Floridi ha avuto l'intuizione del digitale già alla fine degli anni '80 ed è stato il primo filosofo ad occuparsene, creando nel tempo neologismi ormai virali tra i quali infosfera e quarta rivoluzione.

Ma cos'è l'infosfera? È l'ambiente globale, intriso di informazioni, che gli individui, in qualità di agenti informazionali interconnessi, condividono con altri agenti biologici e artefatti ingegneristici. La filosofia contemporanea è chiamata a spiegare gli enormi cambiamenti causati dalla rivoluzione dell'infosfera, ma per farlo deve essere in grado di affrontare una “riformattazione” che la ponga nelle condizioni di comprendere un mondo modificato e influenzato dalle tecnologie digitali. Per l'autore, la filosofia è “passione per il sapere e il capire”, e aggiunge che “per fare buona filosofia ci vuole coraggio, nel porre le domande giuste al momento giusto e offrire le risposte corrette, anche se spiacevoli o impopolari”.

Partendo da questi presupposti, Floridi nel primo dei quattro capitoli del volume, prendendo le mosse da “I problemi della filosofia” di Bertrand Russell, cerca di spiegare cosa sia una domanda filosofica, concentrandosi sui modi in cui può essere esaminata, sui generi ai quali può appartenere e sulle obiezioni che si possono addurre davanti alla natura di domanda aperta, tipica degli interrogativi filosofici. Dopo aver trattato la questione della risposta filosofica, esponendo i concetti di livello di astrazione e metodo di astrazione, Floridi si concentra sul tema della filosofia come design concettuale, a cui è dedicato il terzo capitolo. Il filosofo-autore richiama l'attenzione su come una metodologia costruzionista costituisca l'approccio corretto per interpretare ciò che ci circonda e individua il nucleo centrale di una filosofia costruzionista dell'informazione nel minimalismo, nel metodo dei livelli di astrazione e nel costruzionismo. Nell'ultimo capitolo, sulla scorta di Alan Turing, Floridi espone cinque lezioni filosofiche che aiuteranno il lettore a districarsi nella storia dello sviluppo della filosofia dell'informazione e dell'antropologia filosofica.      

L'autore evidenzia la necessità di una filosofia in grado di dare forma ai nuovi ambienti digitali, una filosofia che aiuti a comprendere le trasformazioni che le tecnologie dell'informazione e della comunicazione hanno portato nella vita dell'uomo. “Ciò di cui abbiamo bisogno è sviluppare una filosofia ricca, robusta, controllata, all'altezza dei nostri tempi”. E questo compito può essere affidato solo a “esperti nella capacità di risolvere problemi che hanno molteplici soluzioni mediante il design concettuale: per dirla in una parola, abbiamo bisogno di filosofi”.

Laura Politi

titolo: Pensare l'infosfera
categoria: Saggi
autore/i: Floridi Luciano
editore: Raffaello Cortina
pagine: 152
prezzo: € 16.00