Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 10 - 2 ott 2019
ISSN 2037-4801

Recensioni

Se a sbagliare è un Nobel
Rivista

Se a sbagliare è un Nobel

Il bimestrale Micromega, dedica il quarto numero a temi scientifici, aprendo con una sezione dedicata alla vita quotidiana dello scienziato e a come questa figura si inserisca e venga percepita all'interno della società. A parlarne è la direttrice scientifica dell'Istituto di ricerca pediatrica della Fondazione Città della speranza di Padova, Antonella Viola, che descrive il processo che l'ha portata a ricoprire il suo importante ruolo, tra successi e ardue sfide. Viola spiega poi come l'essere donna, in un simile campo, sia stato molte volte limitante e difficoltoso.

Il sociologo della scienza Massimiano Bucchi, approfondisce invece il ruolo dell'errore nella scienza e nella società, indagando anche nelle storie personali di molti premi Nobel. Ricorda ad esempio il caso di Einstein, al quale non fu conferito il premio per la teoria della relatività, poiché non era stata compresa la portata del suo valore, o della fisica Lisa Meintner, costretta a fuggire dalla Germania in quanto ebrea, nonostante avesse scoperto per prima la fissione nucleare. Di contro, esistono casi di premi Nobel assegnati per scoperte che si sono poi rivelate completamente sbagliate. Nel libro “Sbagliare da professionisti” (Rizzoli), Bucchi scrive: “Spesso l'errore è una sorta di tabù… Bisogna apprendere dagli errori, anziché cancellarli o glorificarli. Penso alle check list in ambito medico, che hanno permesso di ridurre i casi di errori in sala operatoria”.

Nel bimestrale si ricorda, inoltre, la scoperta di Elisabetta Liuzzo, che spiega come si sia arrivati a “scattare” la prima foto di un buco nero, definita dall'Event Horizon Telescope, consorzio internazionale a cui collaborano centri di ricerca di tutto il mondo, la “foto del secolo”. È un buco nero situato nella galassia Messier 87, grande circa sette miliardi di volte la massa del Sole e distante cinquantacinque milioni di anni luce da noi. Ma in realtà: “Quella che vediamo è l'ombra del buco nero e attorno a essa un anello di fotoni deviati dall'effetto lente esercitato dalla forza gravitazionale”.

C. O.

titolo: Almanacco di scienza di Micromega
categoria: Rivista
autore/i: Pievani Telmo (a cura di)
editore: Gedi
prezzo: € 15.00