Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 23 - 16 dic 2020
ISSN 2037-4801

Recensioni

Le Humanities per la pratica medica
Saggi

Le Humanities per la pratica medica

Le Medical humanities cosa sono e a cosa servono? Lo spiega il volume “L'arte come strumento per la formazione in area medica e sanitaria” (Aracne editore), scritto da Vincenza Ferrara, docente presso l''Università Sapienza di Roma e pioniera nell'insegnamento di questa disciplina che è una “sinergia” di materie di studio assai differenti. “La definizione, utilizzata in un campo interdisciplinare della medicina e in generale della cura, include la letteratura, filosofia, storia e religione, le scienze sociali (antropologia, psicologia e sociologia), le arti (letteratura, teatro, film e arti visive) e la loro applicazione sia nell'educazione medica che nella pratica clinica”, spiega l'autrice. Già nel 1994, in un articolo scientifico apparso negli Stati Uniti, veniva sottolineato che l'assistenza infermieristica non può svilupparsi da un background basato esclusivamente sulle scienze fisiche e sociali. Il personale sanitario, grazie a questi studi, può ridurre il gap nel rapporto con i pazienti e “umanizzare” la cura, superando una visione esclusivamente biomedica della professione. Dal 2014 è stata istituito presso l'Università di Roma un gruppo di ricerca per applicare il metodo nell'ambito della Medical education, cui è dedicato un laboratorio diretto dalla stessa Ferrara; è stata attivata una sperimentazione nei corsi di laurea in Medicina, Scienze infermieristiche e nella formazione specifica in Medicina generale.

Nello scorrere le pagine del libro sorprende rilevare quanto resti archeologici, sculture, dipinti, possano testimoniare lo sviluppo della scienza medica e l'affinarsi dello sguardo dell'artista nel ritrarre anche le imperfezioni del corpo umano, elementi che consentono di comprendere la diffusione di alcune patologie nel passato, campo di indagine dell'icodiagnostica. Basta andare nell'antica Grecia, dove gli anatomisti chiedevano aiuto agli artisti, “la dissezione era praticata sui corpi degli animali, mentre era vietato esplorare l'anatomia umana per motivi sociali e religiosi… Solo due medici ellenistici, che hanno operato ad Alessandria d'Egitto circa tra il 330 e il 240 a.C., sono noti non solo per l'uso della dissezione sistematica dei cadaveri, ma anche per la pratica della vivisezione sperimentale condotta sui condannati a morte: Erofilo ed Erasistrato”.

Nel Discobolo (copia del secolo II d.C. da originale greco del V secolo a.C.), conservato al Museo nazionale romano in Palazzo Massimo, ammiriamo i gruppi muscolari dell'atleta ritratti nell'atto di partecipare al movimento. Nei corso dei secoli, molti pittori - da Leonardo da Vinci a Michelangelo a Raffaello - hanno approfondito l'esame delle parti del corpo. Nel XVI secolo Bartolomeo Passarotti realizzò il dipinto “Lezione di anatomia per artisti” (Galleria Borghese, Roma) e Rembrandt nel 1632 raffigurò il dottor Tulp mentre mostra l'anatomia del braccio di un condannato a morte (Mauritshuis, L'Aia). L'autrice cita altri esempi di legame tra arte e medicina, che si traducono nelle modalità di riprodurre e conservare i corpi, quali la ceroplastica anatomica e la recente plastinazione, messa a punto da Gunther von Hagens. La rappresentazione della cura nell'arte, conclude Ferrara, è stimolante anche per lo sviluppo dell'empatia e della relazione tra personale di cura e paziente.

Sandra Fiore

titolo: Larte come strumento per la formazione in area medica e sanitaria
categoria: Saggi
autore/i: Ferrara Vincenza
editore: Aracne
pagine: 88
prezzo: € 12.00