Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 7 - 5 lug 2017
ISSN 2037-4801

Focus - I benefici dell'estate  

Salute

Fai il pieno di luce!

D'estate, l'umore migliora, non solo per le vacanze che riusciamo a concederci. A influenzare positivamente il nostro stato d'animo è anche la luce solare di cui in questa stagione possiamo godere maggiormente. I raggi ultravioletti stimolano infatti nel cervello il rilascio di serotonina, sostanza chimica comunemente nota come 'ormone della felicità' che infonde sensazioni di relax, benessere e allegria.

“La serotonina è un potente neurotrasmettitore che regola le aree del sistema emotivo”, spiega Antonio Cerasa, neuroscienziato dell'Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare (Ibfm) del Cnr di Catanzaro. “Nel periodo estivo, quando siamo più esposti al sole, il nostro cervello è indotto a produrne quantità maggiori grazie al legame tra i neuroni di una piccola struttura all'interno del tronco encefalico e le fibre che dalla retina arrivano alla corteccia visiva. Un piccolo fascio tra queste zone avvisa i neuroni della presenza di luce solare all'esterno, spingendoli a rilasciare serotonina in tutto il sistema limbico. Consideriamo che bassi livelli di serotonina a livello cerebrale sono caratteristici degli stati depressivi: per questo i più importanti trattamenti farmacologici sono finalizzati a migliorare la regolazione di questo neurotrasmettitore”.

Il metodo più naturale e piacevole per fare il pieno di serotonina, e quindi di energia e buon umore, è dunque godersi la luce della stagione estiva, anche solo facendo una passeggiata nelle ore più fresche. “Ogni sbilanciamento tra le ore di luce e di buio ha un'influenza diretta sull'organismo e sullo stato d'animo: numerose ricerche hanno dimostrato come la luce migliori lo stato psicologico nei più comuni casi di cambiamento umorale legato al mutamento delle stagioni”, precisa Cerasa. “È stato provato che l'esposizione alla luce solare migliora lo stato depressivo nelle donne con disordine disforico premestruale e in quelle con depressione post-parto. Insomma, nella società del consumo compulsivo di 'farmaci per la 'felicità', quali antidepressivi e ansiolitici, la natura offre una risorsa preziosa per stare meglio fisicamente e mentalmente. È gratuita, usiamola!”.

Cecilia Migali

Fonte: Antonio Cerasa, Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare, Catanzaro, tel. 0961/3695904 , email antonio.cerasa@cnr.it -