Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 15 - 28 set 2011
ISSN 2037-4801

Video

Agroalimentare

Prove tecniche di tutela della biodiversità

Prove tecniche di tutela della biodiversità (RM file - 3,10MB )

Sperimentare una metodologia innovativa di valutazione dei rischi posti dall'introduzione di colture transgeniche sulla biodiversità. Questo l'obiettivo dell'impianto realizzato nel Parco naturale Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli dall'Istituto di genetica vegetale del Consiglio nazionale delle ricerche (Igv-Cnr) nell'ambito del Progetto europeo Demetra (DEvelopment of a quick Monitoring index as a tool to assess Environmental impacts of TRAnsgenic crops).

Nell'area protetta tra le province di Lucca e Pisa, caratterizzata da un'ampia diversificazione degli ecosistemi naturali e da un'elevata compresenza di aree agricole, sono state create tre zone di studio e 44 aree di campionamento per l'analisi di mais, girasole, colza e pioppo. Al progetto, con l'Igv-Cnr, aderiscono gli Istituti di biometeorologia (Ibimet) e per lo studio degli ecosistemi (Ise) sempre del Cnr, il dipartimento di Economia, ingegneria, scienze e tecnologie agrarie e forestali dell'università di Firenze, l'Ente parco regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli e la Regione Toscana.

A un anno e mezzo dal suo avvio, i primi risultati del progetto triennale sono stati presentati a San Rossore nel corso del seminario 'Progetto Life + Demetra'. "Per la realizzazione del progetto, abbiamo individuato alcuni appezzamenti da coltivare a mais, girasole, colza e pioppo non ogm", spiega Cristina Vettori, dell'Igv-Cnr di Sesto Fiorentino (Fi). "Sono state quindi allestite 44 aree di campionamento sperimentale all'interno di tre zone rappresentative dei diversi ecosistemi presenti nel parco: boschi, aree agricole o umide come quella del lago di Massaciuccoli".

Nelle aree individuate, la raccolta delle informazioni dell'intera catena trofica prende in considerazione soprattutto gli organismi target di eventuali transgeni: microrganismi del suolo, flora, vegetazione, vertebrati e macro invertebrati vengono analizzati e monitorati negli stessi punti per tutta la durata del progetto, comparando i dati.

"Attualmente abbiamo effettuato una prima caratterizzazione di due ambienti autoctoni presenti nel Parco: un bosco misto di pioppo nella Tenuta di San Rossore e una popolazione frammentata di Populus spp. nell'area di Massaciuccoli", prosegue la ricercatrice. "Tali aree, che distano l'una dall'altra 8 km e nelle cui vicinanze vengono regolarmente effettuate coltivazioni di pioppo, sono state studiate per determinare la variabilità genetica di queste popolazioni arboree, il livello d'incrocio tra piante naturali e coltivate e le popolazioni d'insetti presenti durante la fioritura".

Sono state inoltre installate delle stazioni per il rilevamento di umidità, temperatura, precipitazioni, direzione ed intensità del vento, per ottenere informazioni sulla dispersione del polline. "I risultati indicano un alto livello di biodiversità e flusso genico, dovuto alla dispersione di polline. Quindi una possibile coltivazione di pioppo transgenico potrebbe influenzare la diversità genetica delle aree protette. Ma anche l'alto flusso genico delle pioppete coltivate potrebbe contaminare le popolazioni autoctone", evidenzia Vettori. "Inoltre, se fossero coltivati pioppi transgenici con caratteristiche nocive per ditteri e lepidotteri, potrebbero influenzare la popolazione di insetti presenti sui pioppi autoctoni nell'area protetta diminuendo il livello di biodiversità".

Tali risultati, seppure preliminari, evidenziano la necessità di approfondire le conoscenze al fine di limitare il rischio connesso all'impiego in agricoltura di specie transgeniche, "consentendo una valutazione approfondita, razionale e fondata scientificamente a garanzia e nell'interesse dei cittadini", conclude la ricercatrice.

 

Anna Capasso

Fonte: Cristina Vettori, Istituto di bioscienze e biorisorse del Cnr, tel. 055/5225728, email cristina.vettori@cnr.it

Ultimi video

Europa unita e ricerca, una storia comune celebrata a Roma
Presso la sede centrale del Cnr, si sono celebrati i 60 anni dei Trattati di Roma e i 10 anni dell'European Research Council. Tra i relatori della giornata, i presidenti dell'ente Massimo Inguscio, del Parlamento europeo Antonio Tajani, dell'European Research Council Jean Pierre Bourguignon e il ministro Valeria Fedeli
Socio-economico

'Scienziati e studenti’: la premiazione a Genova
Le tre classi vincitrici del concorso video abbinato alla manifestazione hanno partecipato con i loro video al Festival della scienza. Oltre a loro, sul palco della kermesse ligure, film-maker di professione, che hanno parlato dell'efficacia dell'uso delle immagini nella divulgazione scientifica
Cultura

Mai - design e architettura per l'edilizia sostenibile
Una casa in legno? E' proprio il caso di dire Mai
Tecnologia

Anfiteatro di Catania: il restyling è in 3D
Lo ha realizzato l’Ibam-Cnr attraverso un modello tridimensionale che ricostruisce in forma integrale uno dei più importanti monumenti della città siciliana
Tecnologia

Nanodem: tra infezione e rigetto
Il progetto, che ha come capofila l’Ifac-Cnr, ha lo scopo di costruire un dispositivo in grado di misurare gli immunosoppressori nel sangue di soggetti che hanno subito trapianti
Salute

Il deserto avanza. Anche in Italia
Il 21% del nostro Paese è a rischio siccità. All'origine, cambiamenti climatici e cattiva gestione del territorio. Questa situazione è anche la causa, in parte, delle ondate migratorie in atto. La soluzione è  un approccio sistemico al problema, capace di riportare in equilibrio ecologico le aree a rischio
Ambiente

i-Treasures, la creatività diventa tangibile
Il progetto ha l'obiettivo di salvaguardare e trasmettere il know-how di forme artistiche intangibili, dalle danze rare ai canti tradizionali
Tecnologia

Milagro torna al mare
La tartaruga Caretta Caretta è stata dimessa dall'ospedale veterinario in cui era stata ricoverata per una ferita sul cranio e sul carapace
Ambiente

‘Ta-Pum’ – Il primo cammino della memoria
La presentazione pubblica di 'Ta-Pum’ in occasione dell'87esima Adunata degli Alpini (Pordenone 9-11 maggio 2014), nella cittadella militare presso il museo storico delle truppe alpine. Tra fronte di guerra e luoghi storici di fondo valle, 1.700 km e quasi 90 tappe compiute in continuativa da due team, composti da civili e militari. Un’impresa-primato dal punto di vista alpinistico, sportivo e culturale
Cultura

Una soluzione sostenibile per agricoltura e ambiente
A darla è il biochar, il residuo carbonioso ottenuto dalla trasformazione termochimica di materiali organici in assenza di ossigeno. Se ne è parlato a Expo 2015, lo scorso 24 giugno in un evento coordinato dall’Ibimet-Cnr
Ambiente