Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

N. 1 - 13 gen 2021
ISSN 2037-4801

Video

Salute

Julie Martone: quando la ricerca si fa sottovoce

Gli studi sulle malattie rare negli ultimi anni hanno compiuto significativi passi in avanti. Julie Martone, ricercatrice dell'Istituto di biologia e patologia molecolari (Ibpm) del Cnr, che lavora in questo campo, ne parla con Gigi Marzullo nel programma “Sottovoce” su Rai Uno. Una lunga intervista in cui si affrontano vari temi, dal significato del fare ricerca oggi all'importanza dei finanziamenti, che la celerità dei vaccini anti Covid conferma: “Anche se in questo caso la ricerca non partiva da zero. Sono state portate avanti strategie già in studio da anni", sottolinea Martone. Sulle malattie rare, campo di indagine della ricercatrice, si sono progressi significativi. “Nel caso della distrofia muscolare di Duchenne, in particolare, la ricerca si è evoluta rispetto a quando ho iniziato a lavorare, si sono compiuti diversi passi avanti e ai convegni su questa malattia, oggi, si espongono i risultati che si stanno ottenendo con i trial clinici”, spiega la ricercatrice del Cnr-Ibpm. “Ci stiamo avvicinando a soluzioni concrete, ma ovviamente la ricerca ha i suoi tempi ed è impossibile prevedere una scadenza esatta” Nell'intervista si mescolano argomenti lavorativi e privati. Il consiglio di Martone, come madre e ricercatrice, nel caso in cui si scopra un figlio affetto da patologia grave, è di “contattare le associazioni di genitori, perché solo chi sta passando per lo stesso percorso ne conosce tutte le sfaccettature e può dare consigli utili”.