Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 3 - 7 mar 2018
ISSN 2037-4801

Video

Cultura

Una mostra per gli Imi

La mostra 'Italia-Germania: insieme per una politica della memoria', allestita dall'Anrp (Associazione nazionale reduci dalla prigionia), dall'Internamento, dalla Guerra di liberazione e loro familiari, prima a Berlino e ora a Roma presso la propria sede di via Labicana 15/A, intende contribuire a una comune memoria sulla drammatica vicenda dei 650mila Internati militari italiani (Imi) nei lager nazisti, che dopo l'8 settembre 1943 opposero alle richieste di collaborazione con la Wehrmacht e con la Repubblica di Salò un netto “No!”.

L'esposizione, curata da Luciano Zani, raccoglie reperti originali provenienti dai campi e documenti inediti dell'Archivio storico-diplomatico del ministero degli Esteri, e focalizza l'attenzione che la Repubblica sociale italiana prestò agli internati in Germania: sia per le pressioni dei loro famigliari, sia per l'esigenza di Mussolini e del ministro della Guerra, Rodolfo Graziani, di creare un esercito repubblicano, cui le autorità del Reich erano fermamente contrarie. Il Ministero degli Affari Esteri della Rsi cercò di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei soldati prigionieri, mantenere i contatti e distribuire loro cibo e vestiario provenienti dall'Italia. Ma nel caos successivo all'armistizio fu difficile pianificare interventi e aiuti, il che agevolò i nazisti nell'utilizzare i prigionieri come forza-lavoro con la “civilizzazione” dell'agosto 1944. Le autorità tedesche fornirono vestiario solo al 10% degli internati, i pacchi restarono fermi negli uffici postali, alla frontiera o nei campi, i treni che portavano gli aiuti erano pochi e spesso non potevano passare sul territorio svizzero perché scoperti.

I documenti esposti – giornali, testimonianze del direttore del Servizio assistenza internati e di funzionari del partito fascista repubblicano, lettere di Filippo Anfuso, ambasciatore a Berlino, del ministro Graziani e dello stesso Mussolini - provengono da una sezione speciale (Gabailg - Gabinetto assistenza italiani lavoranti in Germania) istituita a inizio 1945 per dare applicazione agli accordi italo-tedeschi di Bellagio, che avrebbero dovuto definire i termini dell'impiego degli ex Internati e dei molti connazionali che già lavoravano nelle fabbriche del Reich. In contatto con la Croce Rossa Italiana, fu attiva per meno di tre settimane durante cui il responsabile Delfino Rogeri de Villanova cercò di rimpatriare lavoratori e internati dalle zone nelle quali avanzavano gli eserciti russo e anglo-americano.

La seconda parte della Mostra documenta le condizioni di vita e di lavoro degli Imi nei Lager attraverso oggetti, scritti e testimonianze degli internati, tratti dalla Mostra permanente 'Vite di Imi. Percorsi dal fronte di guerra ai lager tedeschi 1943-1945' dell'Anrp e consente di consultare un Albo degli Imi caduti.

“La realizzazione di questo evento è stata resa possibile tra gli altri”, ricorda il presidente dell'Anrp, Enzo Orlanducci, “dai ministeri degli Esteri tedesco e italiano, dagli ambasciatori della Repubblica federale di Germania a Roma e d'Italia a Berlino, dalla direzione dell'Unità di analisi, programmazione, statistica e documentazione storica - Archivio storico del ministero degli Affari esteri italiano e dal direttore dell'Istituto italiano di cultura a Berlino”.

Ultimi video

Europa unita e ricerca, una storia comune celebrata a Roma
Presso la sede centrale del Cnr, si sono celebrati i 60 anni dei Trattati di Roma e i 10 anni dell'European Research Council. Tra i relatori della giornata, i presidenti dell'ente Massimo Inguscio, del Parlamento europeo Antonio Tajani, dell'European Research Council Jean Pierre Bourguignon e il ministro Valeria Fedeli
Socio-economico

'Scienziati e studenti’: la premiazione a Genova
Le tre classi vincitrici del concorso video abbinato alla manifestazione hanno partecipato con i loro video al Festival della scienza. Oltre a loro, sul palco della kermesse ligure, film-maker di professione, che hanno parlato dell'efficacia dell'uso delle immagini nella divulgazione scientifica
Cultura

Mai - design e architettura per l'edilizia sostenibile
Una casa in legno? E' proprio il caso di dire Mai
Tecnologia

Anfiteatro di Catania: il restyling è in 3D
Lo ha realizzato l’Ibam-Cnr attraverso un modello tridimensionale che ricostruisce in forma integrale uno dei più importanti monumenti della città siciliana
Tecnologia

Nanodem: tra infezione e rigetto
Il progetto, che ha come capofila l’Ifac-Cnr, ha lo scopo di costruire un dispositivo in grado di misurare gli immunosoppressori nel sangue di soggetti che hanno subito trapianti
Salute

Il deserto avanza. Anche in Italia
Il 21% del nostro Paese è a rischio siccità. All'origine, cambiamenti climatici e cattiva gestione del territorio. Questa situazione è anche la causa, in parte, delle ondate migratorie in atto. La soluzione è  un approccio sistemico al problema, capace di riportare in equilibrio ecologico le aree a rischio
Ambiente

i-Treasures, la creatività diventa tangibile
Il progetto ha l'obiettivo di salvaguardare e trasmettere il know-how di forme artistiche intangibili, dalle danze rare ai canti tradizionali
Tecnologia

Milagro torna al mare
La tartaruga Caretta Caretta è stata dimessa dall'ospedale veterinario in cui era stata ricoverata per una ferita sul cranio e sul carapace
Ambiente

‘Ta-Pum’ – Il primo cammino della memoria
La presentazione pubblica di 'Ta-Pum’ in occasione dell'87esima Adunata degli Alpini (Pordenone 9-11 maggio 2014), nella cittadella militare presso il museo storico delle truppe alpine. Tra fronte di guerra e luoghi storici di fondo valle, 1.700 km e quasi 90 tappe compiute in continuativa da due team, composti da civili e militari. Un’impresa-primato dal punto di vista alpinistico, sportivo e culturale
Cultura

Una soluzione sostenibile per agricoltura e ambiente
A darla è il biochar, il residuo carbonioso ottenuto dalla trasformazione termochimica di materiali organici in assenza di ossigeno. Se ne è parlato a Expo 2015, lo scorso 24 giugno in un evento coordinato dall’Ibimet-Cnr
Ambiente