Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 26 mag 2010
ISSN 2037-4801

Video

Tecnologia

Lidar: parola chiave per l'atmosfera

Lidar: parola chiave per l'atmosfera (RM file - 3,10MB )

L'evoluzione del clima globale, l'assottigliamento dello strato di ozono, l'inquinamento urbano, sono alcune delle problematiche legate alla conoscenza dell'atmosfera; da questo punto di vista l'invenzione del laser ha permesso alla scienza di registrare notevoli progressi grazie allo sviluppo della tecnica lidar (light detection and ranging), messa a punto per la prima volta dall'italiano Giorgio Fiocco nei primi anni '60.

 "Il lidar si basa sul principio del radar, che consiste nell'invio di onde elettromagnetiche su un bersaglio e nella registrazione dell'eco di ritorno dal bersaglio stesso. In questo caso le onde sono quelle luminose e il bersaglio, tecnicamente ‘tracciante', è costituito dai differenti componenti atmosferici: particelle sospese (aerosol), molecole d'aria e altri gas minori come ozono e vapor d'acqua", spiega Fernando Congeduti dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr di Roma. "La caratteristica che nel lidar rende indispensabile il laser piuttosto che altre sorgenti di luce è la concentrazione dell'energia luminosa che questo dispositivo emette: concentrazione sia nel tempo (durata brevissima - qualche miliardesimo di secondo - quindi potenza enorme dell'impulso), sia nello spazio (collimazione, ovvero allargamento ridottissimo del fascio luminoso, che quindi procede nell'atmosfera senza disperdersi), sia nello spettro (che permette di selezionare tra la luce raccolta quella che ha origine dal tracciante).

Varie sono le tecniche lidar usate per lo studio dell'atmosfera. "Nei sistemi più semplici la lunghezza d'onda emessa dal laser e quella dell'eco sono identiche e forniscono misure qualitative della distribuzione degli aerosol e permettono la localizzazione delle nubi", riferisce Gelsomina Pappalardo, dell'Istituto di metodologie per l'analisi ambientale (Imaa)  del Cnr di Potenza. "Esistono poi diversi tipi di lidar: quello ad ‘assorbimento differenziale', il Raman e il Doppler, dove le diverse lunghezze d'onda in trasmissione o ricezione, forniscono misure quantitative di ozono e gas, aerosol e vapor d'acqua, temperatura e vento".

I due istituti Cnr sono impegnati in attività lidar collegate a reti internazionali sia per il monitoraggio della composizione atmosferica in riferimento a possibili cambiamenti climatici, sia per la caratterizzazione della distribuzione degli aerosol su scala continentale. "Oltre dieci anni di osservazioni lidar a Potenza hanno evidenziato la presenza nell'atmosfera di polveri sahariane pressoché tutti i mesi dell'anno, compresi quelli invernali, con maggiore incidenza in primavera-estate e picchi massimi tra maggio e luglio", afferma Pappalardo. "E' stato possibile anche suddividere gli eventi osservati in base alle zone di provenienza: in estate le polveri desertiche hanno origine prevalentemente dal Sahara occidentale e centrale mentre nel periodo gennaio-maggio provengono principalmente dal Sahara centrale".

 "I vari lidar sviluppati nell'area romana dell'Isac-Cnr operano dai primi anni '70 e hanno registrato, ad esempio, le perturbazioni atmosferiche introdotte dalle maggiori eruzioni vulcaniche avvenute alla fine del secolo scorso (El Chichon, Pinatubo). I sistemi attivi al momento sono utilizzati nello studio del vapor d'acqua, uno dei principali gas serra, e degli aerosol, sia di origine antropogenica, come i residui da combustione di motori, sia di origine naturale, come le polveri desertiche o vulcaniche", conclude Congeduti. "Altri due sistemi lidar del nostro istituto, invece, operano nelle basi antartiche di Dumont D'Urville (Fr) e McMurdo (Usa) per misurare le proprietà ottiche e microfisiche delle nubi stratosferiche polari, fondamentali nei processi di distruzione dell'ozono stratosferico".

Gelsomina Pappalardo, Istituto di metodologie per l'analisi ambientale, Tito scalo (Pz), tel. 0971/427265, email pappalardo@imaa.cnr.it

Anna Capasso

Fonte: Fernando Congeduti, Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima, Roma, tel. 06/49934335, email f.congeduti@isac.cnr.it

Ultimi video

Europa unita e ricerca, una storia comune celebrata a Roma
Presso la sede centrale del Cnr, si sono celebrati i 60 anni dei Trattati di Roma e i 10 anni dell'European Research Council. Tra i relatori della giornata, i presidenti dell'ente Massimo Inguscio, del Parlamento europeo Antonio Tajani, dell'European Research Council Jean Pierre Bourguignon e il ministro Valeria Fedeli
Socio-economico

'Scienziati e studenti’: la premiazione a Genova
Le tre classi vincitrici del concorso video abbinato alla manifestazione hanno partecipato con i loro video al Festival della scienza. Oltre a loro, sul palco della kermesse ligure, film-maker di professione, che hanno parlato dell'efficacia dell'uso delle immagini nella divulgazione scientifica
Cultura

Mai - design e architettura per l'edilizia sostenibile
Una casa in legno? E' proprio il caso di dire Mai
Tecnologia

Anfiteatro di Catania: il restyling è in 3D
Lo ha realizzato l’Ibam-Cnr attraverso un modello tridimensionale che ricostruisce in forma integrale uno dei più importanti monumenti della città siciliana
Tecnologia

Nanodem: tra infezione e rigetto
Il progetto, che ha come capofila l’Ifac-Cnr, ha lo scopo di costruire un dispositivo in grado di misurare gli immunosoppressori nel sangue di soggetti che hanno subito trapianti
Salute

Il deserto avanza. Anche in Italia
Il 21% del nostro Paese è a rischio siccità. All'origine, cambiamenti climatici e cattiva gestione del territorio. Questa situazione è anche la causa, in parte, delle ondate migratorie in atto. La soluzione è  un approccio sistemico al problema, capace di riportare in equilibrio ecologico le aree a rischio
Ambiente

i-Treasures, la creatività diventa tangibile
Il progetto ha l'obiettivo di salvaguardare e trasmettere il know-how di forme artistiche intangibili, dalle danze rare ai canti tradizionali
Tecnologia

Milagro torna al mare
La tartaruga Caretta Caretta è stata dimessa dall'ospedale veterinario in cui era stata ricoverata per una ferita sul cranio e sul carapace
Ambiente

‘Ta-Pum’ – Il primo cammino della memoria
La presentazione pubblica di 'Ta-Pum’ in occasione dell'87esima Adunata degli Alpini (Pordenone 9-11 maggio 2014), nella cittadella militare presso il museo storico delle truppe alpine. Tra fronte di guerra e luoghi storici di fondo valle, 1.700 km e quasi 90 tappe compiute in continuativa da due team, composti da civili e militari. Un’impresa-primato dal punto di vista alpinistico, sportivo e culturale
Cultura

Una soluzione sostenibile per agricoltura e ambiente
A darla è il biochar, il residuo carbonioso ottenuto dalla trasformazione termochimica di materiali organici in assenza di ossigeno. Se ne è parlato a Expo 2015, lo scorso 24 giugno in un evento coordinato dall’Ibimet-Cnr
Ambiente