Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 3 - 25 mar 2015
ISSN 2037-4801

Video

Ambiente

Sole nero dall'Artico

L’eclisse di sole del 20 marzo, è stata visibile in forma parziale dall'Italia. Il fenomeno è stato totale nell'Atlantico settentrionale, nelle Isole Far Oer e nelle Svalbard. Queste ultime, situate a metà strada fra Norvegia e Polo Nord, ospitano a Ny-Alesund la stazione del Cnr 'Dirigibile Italia' dove viene condotto un ampio set di ricerche multidisciplinari.

"L'eclissi solare produce un calo veloce della radiazione solare e, di conseguenza, dell'energia disponibile soprattutto negli alti strati atmosferici per i processi chimici e dinamici", spiega Vito Vitale dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr. "La variazione è differente da quella del giorno e della notte: la radiazione solare non scompare del tutto ma resta in parte sia nella sua componente diffusa, sia in quella diretta (se l'eclissi non è totale). L'eclissi quindi offre l’opportunità di osservare, con un livello di dettaglio unico, aspetti peculiari e importanti dei processi di interazione della radiazione con l'atmosfera (radiative transfer), dei processi fotochimici che influenzano l'ozono in stratosfera e dei processi dinamici che legano la stratosfera con la troposfera".

Lo studio di tali proprietà può consentire di mettere in evidenza la natura caotica dei processi che determinano la distribuzione dell'ozono in stratosfera. "Le misure come quelle portate avanti durante le eclissi ad alta risoluzione temporale effettuate dal 2007 con continuità presso le stazioni di Ny Alesund e di Concordia, in Antartide, permettono di capire come l’atmosfera reagisce a una rapida e relativamente corta (1-2 ore) variazione nel flusso della radiazione solare", chiarisce il ricercatore. "In questo modo è possibile determinare la 'resistenza' dell'atmosfera ai cambiamenti".

Un aspetto nuovo e interessante riguarda la valutazione delle possibili ricadute sulla produzione energetica delle eclissi, da parte dei gestori delle reti. "In conseguenza del ruolo sempre maggiore svolto dai sistemi fotovoltaici nella fornitura di energia alla rete nazionale, su sollecitazione del gestore Terna, all’Isac-Cnr è stato sviluppato un algoritmo che permette di calcolare il calo di radiazione solare alla superficie in presenza di una eclissi totale o parziale”, prosegue Vitale. “Le informazioni relative al 20 marzo sono state fornite a 'Terna'".

La prossima eclissi sarà visibile in Europa il 12 agosto 2026 e alle Svalbard solo fra 3-400 anni. Il fenomeno alle latitudini artiche è stato ripreso dai colleghi Fabio Palmieri e Vittorio Tulli presso la base del Cnr e diffuso sui siti istituzionali con oltre 10 mila contatti, grande successo mediatico e la trasmissione in Aula Convegni della sede centrale. Una troupe di RaiNews, ospite in base, ha effettuato una diretta che ha consentito a molte altre persone di ammirare in tempo reale l'emozionante spettacolo del 'Sole nero'.

Emanuele Guerrini

Fonte: Vito Vitale, Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima, Bologna, tel. 051/6399595, email v.vitale@isac.cnr.it

Ultimi video

Europa unita e ricerca, una storia comune celebrata a Roma
Presso la sede centrale del Cnr, si sono celebrati i 60 anni dei Trattati di Roma e i 10 anni dell'European Research Council. Tra i relatori della giornata, i presidenti dell'ente Massimo Inguscio, del Parlamento europeo Antonio Tajani, dell'European Research Council Jean Pierre Bourguignon e il ministro Valeria Fedeli
Socio-economico

'Scienziati e studenti’: la premiazione a Genova
Le tre classi vincitrici del concorso video abbinato alla manifestazione hanno partecipato con i loro video al Festival della scienza. Oltre a loro, sul palco della kermesse ligure, film-maker di professione, che hanno parlato dell'efficacia dell'uso delle immagini nella divulgazione scientifica
Cultura

Mai - design e architettura per l'edilizia sostenibile
Una casa in legno? E' proprio il caso di dire Mai
Tecnologia

Anfiteatro di Catania: il restyling è in 3D
Lo ha realizzato l’Ibam-Cnr attraverso un modello tridimensionale che ricostruisce in forma integrale uno dei più importanti monumenti della città siciliana
Tecnologia

Nanodem: tra infezione e rigetto
Il progetto, che ha come capofila l’Ifac-Cnr, ha lo scopo di costruire un dispositivo in grado di misurare gli immunosoppressori nel sangue di soggetti che hanno subito trapianti
Salute

Il deserto avanza. Anche in Italia
Il 21% del nostro Paese è a rischio siccità. All'origine, cambiamenti climatici e cattiva gestione del territorio. Questa situazione è anche la causa, in parte, delle ondate migratorie in atto. La soluzione è  un approccio sistemico al problema, capace di riportare in equilibrio ecologico le aree a rischio
Ambiente

i-Treasures, la creatività diventa tangibile
Il progetto ha l'obiettivo di salvaguardare e trasmettere il know-how di forme artistiche intangibili, dalle danze rare ai canti tradizionali
Tecnologia

Milagro torna al mare
La tartaruga Caretta Caretta è stata dimessa dall'ospedale veterinario in cui era stata ricoverata per una ferita sul cranio e sul carapace
Ambiente

‘Ta-Pum’ – Il primo cammino della memoria
La presentazione pubblica di 'Ta-Pum’ in occasione dell'87esima Adunata degli Alpini (Pordenone 9-11 maggio 2014), nella cittadella militare presso il museo storico delle truppe alpine. Tra fronte di guerra e luoghi storici di fondo valle, 1.700 km e quasi 90 tappe compiute in continuativa da due team, composti da civili e militari. Un’impresa-primato dal punto di vista alpinistico, sportivo e culturale
Cultura

Una soluzione sostenibile per agricoltura e ambiente
A darla è il biochar, il residuo carbonioso ottenuto dalla trasformazione termochimica di materiali organici in assenza di ossigeno. Se ne è parlato a Expo 2015, lo scorso 24 giugno in un evento coordinato dall’Ibimet-Cnr
Ambiente