Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 16 - 15 dic 2010
ISSN 2037-4801

Video

Socio-economico

Innovazione, la strada del successo

Innovazione, la strada del successo (RM file - 3,10MB )

"Questo premio è senz'altro un traguardo significativo per il Gruppo che rappresento, ma è anche un'importante riconoscimento all'Italia che innova". Si schermisce, Mario Moretti Polegato, sul premio ‘Innovatore dell'anno', ricevuto a Londra dopo una selezione tra oltre 200 aziende di tutto il mondo: la sua Geox è stata considerata quella più tecnologicamente all'avanguardia. Un primato difficile da contestare per un gruppo passato, in quindici anni, da cinque persone a trentamila addetti, interni o esterni, e per un uomo che ha inventato un sistema di traspirazione delle calzature che lo ha reso il secondo industriale al mondo nel settore.

Un risultato ottenuto, tra l'altro, partendo da un percorso professionale molto diverso e grazie a un investimento in ricerca del 2% del fatturato (che è di 860 milioni di euro), cioè la quota indicata a Lisbona come media per gli imprenditori dell'Unione Europea, ma dalla quale i ‘privati' di casa nostra sono abissalmente lontani. Quanto Mario Moretti Polegato sia vicino alla ricerca lo ha confermato anche facendo visita al Cnr, dove ha tenuto una lectio magistralis ai ricercatori impegnati nel trasferimento tecnologico.

Modestia a parte, l'Innovator of the Year è un riconoscimento di grande importanza.

È un grande premio per nostra azienda, per tutti quelli che lavorano ai nostri progetti, per i ricercatori nostri partner negli enti e nelle università italiane e straniere. Noi abbiamo anticipato il concetto di innovazione come base del made in Italy. D'altronde un imprenditore non si adatta al sistema, lo anticipa, e noi con la nostra scarpa, più che un'innovazione, abbiamo fatto una rivoluzione.

In un Paese dove le aziende in media investono in ricerca e sviluppo lo 0,4% del Pil.

È vero, ma non dobbiamo dimenticare che l'italiano è un creativo, ha la fantasia nel Dna, anche quando fa il poeta, l'artista, lo dimostra la nostra storia. Ci manca però la capacità di gestire questa creatività e qui devono intervenire i soggetti istituzionali: la formazione, le categorie, la politica.

Eppure, per un Paese votato al manifatturiero, la competitività può passare solo per l'innovazione, non crede?

Certamente: non possiamo più affrontare la concorrenza a colpi di prezzi, dobbiamo dare valore aggiunto al prodotto. Innovare è l'insieme di tre fattori: si parte col sogno, cioè creare o modificare un oggetto, poi bisogna tutelare la propria idea a livello brevettuale - e questo spesso è già un tabù per i piccoli e medi imprenditori - e infine sperimentarla. Qui, di nuovo, il singolo imprenditore non ha quasi mai la forza finanziaria e la capacità culturale necessarie e allora deve intervenire la collaborazione col mondo della ricerca e delle università.

Dunque pensa sia preferibile creare una filiera tra imprese e ricerca, più che innovare direttamente in azienda?

È una deduzione logica. Ma un'altra questione è prioritaria in questo momento: come coinvolgere la politica? Come ottenere che si aiuti il Paese mediante la formazione dei giovani, che sono i più ricchi di idee, senza dare i pochi aiuti a pioggia?

Forse la formazione è ‘bloccata' anche dalla vecchia rivalità tra sapere umanistico e scientifico?

Io credo che colui che inventa, crea, innova non abbia un'appartenenza in un senso o nell'altro. È importante sia comprendere l'importanza di dare ai nostri figli un titolo di studio, sia rendere sempre di più le aziende agenzie culturali. Anche l'innovazione industriale è cultura, un'idea vale più di una fabbrica.

Il suo successo può testimoniare che l'innovazione paga in termini di bilancio?

Per aiutare le aziende e combattere la crisi economica sostenere l'innovazione d'impresa serve più che abbassare la pressione fiscale. Ma serve anche la capacità di credere e rischiare, perché non tutti i progetti riescono, spesso anche noi portiamo avanti dei progetti per poi renderci conto che dobbiamo cambiare percorso.

Lei come andava a scuola nelle materie scientifiche?

Ho avuto una vita di studente particolare, cominciata in un collegio religioso molto rigido. Poi ho studiato Agraria, per la precisione enologia, perché la mia famiglia ha un'aziende vinicola, ma capivo che non era l'ambiente per me. Soltanto a quel punto ho cominciato ad avvertire il fascino della ricerca e a studiare: per accorgermi di quanto sono ignorante, come suol dirsi. Non avevo mai studiato Scienza dei materiali, in cui adesso ho ricevuto una laurea honoris causa all'Università di Venezia...

Una ricerca che le piacerebbe arrivasse a compimento, in un settore diverso dal suo?

Nel campo della medicina e della farmacologia, certamente, per allungare ulteriormente la speranza di vita. Poi, accanto a questo obiettivo primario, c'è quello di migliorarne le condizioni e in questo anche noi possiamo dare un contributo nel campo che ci compete. Non vogliamo solo portare la moda italiana nel mondo.

Marco Ferrazzoli

Ultimi video

Europa unita e ricerca, una storia comune celebrata a Roma
Presso la sede centrale del Cnr, si sono celebrati i 60 anni dei Trattati di Roma e i 10 anni dell'European Research Council. Tra i relatori della giornata, i presidenti dell'ente Massimo Inguscio, del Parlamento europeo Antonio Tajani, dell'European Research Council Jean Pierre Bourguignon e il ministro Valeria Fedeli
Socio-economico

'Scienziati e studenti’: la premiazione a Genova
Le tre classi vincitrici del concorso video abbinato alla manifestazione hanno partecipato con i loro video al Festival della scienza. Oltre a loro, sul palco della kermesse ligure, film-maker di professione, che hanno parlato dell'efficacia dell'uso delle immagini nella divulgazione scientifica
Cultura

Mai - design e architettura per l'edilizia sostenibile
Una casa in legno? E' proprio il caso di dire Mai
Tecnologia

Anfiteatro di Catania: il restyling è in 3D
Lo ha realizzato l’Ibam-Cnr attraverso un modello tridimensionale che ricostruisce in forma integrale uno dei più importanti monumenti della città siciliana
Tecnologia

Nanodem: tra infezione e rigetto
Il progetto, che ha come capofila l’Ifac-Cnr, ha lo scopo di costruire un dispositivo in grado di misurare gli immunosoppressori nel sangue di soggetti che hanno subito trapianti
Salute

Il deserto avanza. Anche in Italia
Il 21% del nostro Paese è a rischio siccità. All'origine, cambiamenti climatici e cattiva gestione del territorio. Questa situazione è anche la causa, in parte, delle ondate migratorie in atto. La soluzione è  un approccio sistemico al problema, capace di riportare in equilibrio ecologico le aree a rischio
Ambiente

i-Treasures, la creatività diventa tangibile
Il progetto ha l'obiettivo di salvaguardare e trasmettere il know-how di forme artistiche intangibili, dalle danze rare ai canti tradizionali
Tecnologia

Milagro torna al mare
La tartaruga Caretta Caretta è stata dimessa dall'ospedale veterinario in cui era stata ricoverata per una ferita sul cranio e sul carapace
Ambiente

‘Ta-Pum’ – Il primo cammino della memoria
La presentazione pubblica di 'Ta-Pum’ in occasione dell'87esima Adunata degli Alpini (Pordenone 9-11 maggio 2014), nella cittadella militare presso il museo storico delle truppe alpine. Tra fronte di guerra e luoghi storici di fondo valle, 1.700 km e quasi 90 tappe compiute in continuativa da due team, composti da civili e militari. Un’impresa-primato dal punto di vista alpinistico, sportivo e culturale
Cultura

Una soluzione sostenibile per agricoltura e ambiente
A darla è il biochar, il residuo carbonioso ottenuto dalla trasformazione termochimica di materiali organici in assenza di ossigeno. Se ne è parlato a Expo 2015, lo scorso 24 giugno in un evento coordinato dall’Ibimet-Cnr
Ambiente