Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 5 - 10 mar 2021
ISSN 2037-4801

Recensioni

Cinema

La ricerca medica in un corto

Il cortometraggio “Re-imagine” mostra quanto la ricerca scientifica sia importante, come l'emergenza Covid ha evidenziato in maniera ancora più chiaro.  Per farlo, ricorre alla forma dell'audiovisivo, raccontando in poco più di dieci minuti una storia coinvolgente, di grande intensità emotiva e, proprio per questo, capace di raggiungere in maniera efficace gli spettatori, toccandone sia il cuore che la mente.

Protagonista della storia è, all'inizio, un bambino felice e pieno di inventiva. La sua gioia però non dura a lungo: la madre, con la quale ha ovviamente un legame fortissimo, è malata e in breve tempo peggiora e muore. La narrazione prosegue con il bambino che è diventato un giovane e motivato ricercatore, che ha scelto di lavorare nel settore biomedico a seguito del lutto che lo ha colpito. La pellicola evidenzia allo spettatore l'importanza della ricerca, ma anche degli affetti, e l'entusiasmo di chi si impegna in un lavoro teso al bene comune.

Re-imagine è parte del progetto di Novartis “People in Science-Scienza da vivere”, dedicato all'alfabetizzazione scientifica e mirato a rafforzare nella cittadinanza italiana la consapevolezza che la conoscenza e il metodo scientifico sono requisiti fondamentali per una partecipazione attiva e responsabile alla vita del Paese e alla sua crescita. Il cortometraggio, oltre ad essere visibile sui social network di Novartis, è distribuito sulla piattaforma Chili e verrà presentato a luglio, durante il prossimo Giffoni Film Festival, all'interno di una masterclass realizzata allo scopo di  stimolare i ragazzi a riflettere sui temi della ricerca scientifica.

Nel corso della presentazione del cortometraggio, avvenuta a Roma presso la sede dell'Anica (Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive multimediali), l'amministratore delegato di Novartis Pasquale Frega ha detto: “Il cinema può diventare uno strumento straordinario: emoziona, ha una capacità narrativa tale da fare arrivare facilmente al pubblico il valore del poter prendere 'una seconda vita', il concetto del diritto alla salute”; sottolineando, infine, che va “ribaltato l'approccio alla ricerca e ciò può avvenire solo infondendo nei cittadini la consapevolezza che ricerca vuol dire futuro”.


Rita Bugliosi

La scheda

Titolo: Re-imagine

Regia: Gianluca Mangiasciutti

Cast: Brenno Placido, Rocío Muñoz Morales, Federico Ielapi, Lorenzo Lavia, Clizia Fornasie

Info: https://www.novartis.it/chi-siamo/il-contributo-di-novartis-alla-crescita-dell%27italia/people-science/reimagine-il-futuro-puo