Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 10 - 1 ott 2018
ISSN 2037-4801

Focus - La Grande Guerra  

Focus

I freddi inverni della Grande Guerra

Ambiente

Gli anni tra il 1916 e il 1918 sono stati tra i più rigidi e nevosi del XX secolo sulle Alpi e molti decessi tra i militari furono causati, oltre che dagli eserciti nemici, da valanghe, assideramenti e scarsi approvvigionamenti in quota. Massimiliano Pasqui, ricercatore del Cnr-Ibimet, fornisce un quadro della situazione meteo di quel periodo

di Edward Bartolucci

Il ruolo della chimica nella '15-18

Tecnologia

Questa disciplina ha fornito strumenti importanti agli eserciti coinvolti nella Grande guerra: dalle armi batteriologiche agli esplosivi, fino ai carburanti per i diversi mezzi di trasporto di terra, aria e acqua. Molte di quelle conquiste hanno trovato però in seguito applicazione anche nella vita civile, come è avvenuto per le sostanze usate per la fabbricazione di esplosivi, rivelatesi efficaci anche per la produzione di fertilizzanti

di Rita Bugliosi

I luoghi del conflitto

Informatica

Sono più di 10.000 i toponimi dei teatri bellici della Grande Guerra identificati grazie allo studio di testi, bollettini e documenti delle forze armate. La ricerca condotta da Paolo Plini del Cnr-Iia ha popolato e sviluppato una banca dati online che rende possibile una maggiore conoscenza degli eventi

di Emanuele Guerrini

TaPum, tra inquinamento e clima

Ambiente

Il progetto, che prende il nome da una delle più famose canzoni contro la guerra e ha ripercorso i luoghi del primo conflitto mondiale attraverso un 'Cammino della memoria', si è arricchito di una valenza scientifica: un prototipo di centralina inserito negli zaini degli alpinisti ha monitorato la qualità dell'aria. Paolo Bonasoni del Cnr-Isac descrive attività condotte e risultati ottenuti

di Grazia Battiato

Ricercatori con la baionetta

Cultura

Numerosi intellettuali e professori universitari, anche di origine ebraica, parteciparono al conflitto. Uno studio condotto da Massimo Cultraro del Cnr-Ibam tenta di restituire impressioni e motivazioni di protagonisti quali Alessandro Della Seta e Vittorio Macchioro. Le memorie e i documenti lasciati da Corrado Ricci archeologo e storico dell'arte, sono stati invece digitalizzati da Eleonora Maria Stella del Cnr-Icvbc e raccolti ne 'Il 'Carteggio di guerra', testimonianza della difficile azione di salvaguardia del patrimonio artistico e monumentale in quel periodo

di Sandra Fiore

La memoria del passato rivive con le 'Digital Humanities'

Informatica

Grazie all'affermarsi di questa disciplina, la ricerca è in grado di offrire una disponibilità sempre più ampia di archivi testuali digitali attraverso i quali esplorare e ricostruire un determinato momento storico. Rientra in questo ambito il progetto 'Voci della Grande Guerra', finanziato dalla presidenza del Consiglio dei ministri nell'ambito del bando per la commemorazione del Centenario della Grande Guerra, in cui il Cnr è coinvolto con l'Istituto di linguistica computazionale

di Francesca Gorini

La scienza e la Prima Guerra mondiale

Cultura

Il conflitto provoca molti mutamenti in ambito scientifico, favorendo una maggiore attenzione all'aspetto produttivo della ricerca e all'utilizzo applicativo delle scoperte e portando a una modernizzazione del lavoro del ricercatore

di Mirna Moro