Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 15 - 28 set 2011
ISSN 2037-4801

Vita CNR   a cura di Francesca Gorini

Vita CNR

Neutrini e satellite, quando la scienza fa notizia

Tecnologia

In questo periodo due fatti di natura tecnico-scientifica hanno campeggiato ampiamente sui media: il risultato annunciato da Infn e Cern e l'impatto di Uars. Spesso informazione e opinione pubblica affrontano i temi tecnico-scientifici con eccessiva emotività. Ma l'interesse per questi argomenti esiste ed è stato confermato anche dal successo della Notte dei ricercatori

di Marco Ferrazzoli

'Globo', per prevedere gli uragani

Ambiente

L'Isac-Cnr di Bologna ha sviluppato un modello meteorologico in grado di anticipare di 24 ore, rispetto ai sistemi utilizzati su scala globale, la previsione dei cicloni tropicali. Il risultato potrebbe migliorare significativamente le attività di prevenzione

di Francesca Gorini

Assistenza domestica automatizzata, al via la gara

Tecnologia

Aperto il laboratorio ‘Wireless networks' dell'Istituto di scienza e tecnologie del Cnr di Pisa. Una competizione in un settore di ricerca emergente, che permette a persone anziane, malate o disabili di vivere meglio e più comodamente nelle proprie case. Tre i gruppi premiati, autori di innovativi sistemi di localizzazione e ‘tracking'

di F.G.

Bonificare conviene

Salute

L'analisi costi-benefici di uno studio italo-inglese sui siti di Priolo e Gela illustra i vantaggi per ambiente, salute ed economia derivanti dal risanamento delle due aree industriali contaminate

di Antonio Caporali

La realtà? È digitale

Informatica

La pensa così Tommaso Bolognesi, dell'Istituto di scienza e tecnologie dell'informazione (Isti) del Cnr. Il ricercatore, con la sua spiegazione della realtà, ha conquistato il quarto premio della giuria del Foundational Questions Institute

di Luciano Celi

Luigi Lilio, l'uomo del calendario

Cultura

L'invenzione del sistema gregoriano, ancora oggi alla base del nostro metodo di misurazione del tempo, si deve a un brillante studioso calabrese la cui figura è rimasta a lungo in ombra. Un ricercatore del Cnr lo ricorda attraverso convegni e pubblicazioni

di F.G.