Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 9 - 23 set 2015
ISSN 2037-4801

Vita CNR   a cura di Francesca Gorini

Vita CNR

La nutraceutica per la sindrome di Down

Salute

L’utilizzo combinato di due molecole naturali, testato per la prima volta in un soggetto di 10 anni, sarebbe in grado di ripristinare alcune funzionalità alterate dalla sindrome, senza provocare effetti collaterali. Lo dimostra uno studio pilota dell’Ibbe-Cnr pubblicato su 'Clinical Nutrition’

di Nicoletta Guaragnella

di Nicoletta Guaragnella

Un alleato nella lotta al climate change

Ambiente

Con la pubblicazione della normativa sulla Gazzetta Ufficiale, l’Italia è il primo paese europeo a regolamentare per legge il commercio e l’utilizzo del Biochar, l’ammendante agricolo 'green' che contribuisce a ridurre le emissioni di gas serra in atmosfera. Ne parla Franco Miglietta dell’Ibimet-Cnr, impegnato nella ricerca insieme all’Associazione italiana Biochar   

di F.G.

Dalle olive l'arma che combatte i radicali liberi

Agroalimentare

Con il progetto 'Oleaelisir’ l’Istituto per lo studio degli ecosistemi indaga la possibilità di recuperare le sostanze antiossidanti presenti nell’acqua di vegetazione delle olive a fini terapeutici e cosmetici. Un interessante esempio di come valorizzare un prodotto ritenuto fino ad oggi 'di scarto'

di F.G.

Riabilitazione: a domicilio è più efficace

Salute

Grazie all’accordo quadro con la Regione Lombardia, tre Istituti dell’Ente coinvolti nel progetto 'Riprendo@home’ studiano nuove soluzioni per la neuroriabilitazione domiciliare dell’arto superiore conseguente a ictus. Materiali innovativi e tecnologie di avanguardia si uniscono a semplicità di utilizzo e costi contenuti

di Elena Villa

La 'premiata' comunità scientifica del Cnr         

Cultura

Negli ultimi mesi importanti riconoscimenti internazionali sono giunti a ricercatori dell’Ente: dalla fisica alla primatologia, dal calcolo all’agroalimentare. Premi alla carriera anche al paleolimnologo Piero Guilizzoni dell'Ise e a Elisabetta Visalberghi dell'Istc per lo studio del comportamento dei cebi

di F.G.