Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 1 - 15 gen 2020
ISSN 2037-4801

Recensioni

La forza della semplicità
Saggi

La forza della semplicità

Nessuna formula ha raggiunto il livello di popolarità di E=mc2: una semplice relazione tra grandezze tutto sommato familiari - energia, massa e velocità - è diventata la più famosa della fisica. Ma l'apparente banalità dell'equazione non implica quella del contenuto: quei pochi simboli celano un'idea sorprendente, per certi versi sovversiva. “Mi chiedo se il Signore non mi abbia preso per il naso e stia ridendo di me”, scrive nel 1905 Einstein in una lettera a un amico. Poco tempo dopo, pubblica una prima versione della formula nel breve articolo “L'inerzia di un corpo dipende dal suo contenuto di energia?” negli Annalen der Physik. Ecco che, dopo aver rifondato i concetti di spazio e tempo, il fisico tedesco espande ulteriormente gli orizzonti della conoscenza con la sua “legge di equivalenza di massa ed energia”.

Come tale legge sia stata scoperta, quale sia il suo significato e come sia diventata un'icona nell'immaginario collettivo lo racconta Vincenzo Barone in “E=mc2. La formula più famosa” (il Mulino). Il punto di partenza del libro è la copertina del Time del primo luglio 1946, in cui la formula fa la sua prima apparizione al di fuori di un testo scientifico: viene rappresentata su un fungo atomico alle spalle di Einstein, definito “cosmoclasta”. Il settimanale suggerisce che il vero padre della bomba sia lo scienziato tedesco e che alla base del funzionamento dell'ordigno esplosivo ci sia la relazione tra massa ed energia, inaugurando così una visione distorta che sopravvivrà per anni, in una lunga catena di fraintendimenti e mistificazioni. A queste associazioni improprie Barone risponde con un linguaggio accessibile anche ai non addetti ai lavori. I lettori potranno apprezzare la potenza rivoluzionaria della legge, che non risiede in una fantomatica forza distruttrice ma in una nuova chiave di lettura del mondo, nel quale una formula può diventare il soggetto di poesie e pièce teatrali, ispirare romanzi di fantascienza, opere d'arte e campagne pubblicitarie, valicando i confini della fisica ed entrando a pieno titolo nel mito come, del resto, lo scienziato che l'ha scoperta.

Isabella Cioffi

titolo: E=mc2. La formula pi famosa
categoria: Saggi
autore/i: Barone Vincenzo
editore: Il Mulino
pagine: 120
prezzo: € 12.00