Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 10 - 2 ott 2019
ISSN 2037-4801

Recensioni

Comunicare in Rete in modo consapevole
Ragazzi

Comunicare in Rete in modo consapevole

“Cambiare il mondo una parola alla volta”, è questo il messaggio chiave contenuto nel libro “Penso parlo posto” (Il Castoro) scritto a quattro mani da Carlotta Cubeddu, redattrice di libri di scuola e animatrice alla lettura, e Federico Taddia, giornalista e conduttore radiofonico e televisivo di programmi di divulgazione scientifica.

Il volume vuole far capire ai giovani, ma anche ai loro genitori e ai docenti, quanto sia importante costruire una comunicazione eticamente più corretta e consapevole per il domani. “In rete, e fuori, è sempre più evidente che le varie forme di aggressione, violenza e ostilità espresse online possono avere conseguenze reali e molto concrete nella vita di ognuno di noi. Hai mai pensato che “virtuale è reale”? Che ogni cosa che scrivi o leggi al computer può avere un riflesso, una conseguenza sulla vita quotidiana tua o di chi ti circonda? Ti trovi d'accordo nel pensare che una frase, detta magari superficialmente, dia di te un'impressione diversa da quello che sei in realtà? O che un'affermazione o un invito verbale possano costruire un ponte, un'amicizia, l'inizio di una relazione con il tuo interlocutore?”.

Si parte dalla lettura dei dieci punti del “Manifesto della comunicazione non ostile” redatto da Parole O Stili, un'associazione no profit nata per sensibilizzare ragazzi e adulti verso una cultura della comunicazione non ostile: “Virtuale è reale; Si è ciò che si comunica; Le parole danno forma al pensiero; Prima di parlare bisogna ascoltare; Le parole sono un ponte; Le parole hanno conseguenze; Condividere è una responsabilità; Le idee si possono discutere. Le persone si devono rispettare; Gli insulti non sono argomenti; Anche il silenzio comunica”.

Attraverso un percorso di riflessione sulle modalità con le quali si interagisce nella realtà virtuale, si ragiona su esempi concreti e si mettono in evidenza le conseguenze che possono derivare dall'utilizzo di una parola piuttosto che di un'altra: “in questo volume – scrivono gli autori - abbiamo raccolto molti casi che hanno come protagonisti ragazzi e ragazze come te… Forse ti ci ritroverai, forse no, ma è solo un punto di partenza per chiarirti le idee e confrontarti con te stesso e con i tuoi amici”.

Grazie a schemi, domande, spunti ed esempi, il libro propone soluzioni su come affrontare le situazioni virtuali che si verificano più frequentemente, ma alla fine, sottolineano gli autori, “dipende da te: scegli con cura le tue risposte, pensa sempre con la tua testa e decidi quali sono le parole che vuoi che ti rappresentino”.

Il testo è arricchito dalle illustrazioni e dai fumetti di Gud che raccontano attraverso le immagini episodi di vita reale.

Maria Adelaide Ranchino

titolo: Penso parlo posto
categoria: Ragazzi
autore/i: Cubeddu Carlotta, Taddia Federico
editore: Il Castoro
pagine: 168
prezzo: € 12.50