Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 5 - 9 mag 2018
ISSN 2037-4801

Recensioni

Un Bignami dell'Islam
Saggi

Un Bignami dell'Islam

Nel 622 Maometto lasciò la Mecca “per sfuggire a un assassinio e preservare la sua comunità. Lui e i suoi seguaci cercavano una base stabile a Medina dove poter praticare il loro culto in pace e senza temere per le proprie vite”. È l'egira, l'anno zero dell'era musulmana. Un decennio dopo sarebbe cominciata l'espansione islamica.

'Islam' di Mona Siddiqui, 23° volume della collana '50 grandi idee' pubblicato dalla casa editrice Dedalo, si propone di spiegare e approfondire i principali concetti della religione della mezzaluna: 50 spunti di dibattito più che mai attuali in un'epoca segnata da profondi cambiamenti demografici e dalla minaccia integralista e terroristica. Nel libro la scrittrice pachistana, esponendo dottrine, usi e costumi, conditi con curiosità e aneddoti, non si esime dall'analizzare lucidamente gli aspetti più controversi e drammatici all'attenzione della cronaca.

“Credenti e miscredenti sono spesso protagonisti di descrizioni contrapposte. Il Corano, infatti, abbina con coerenza al suo elogio per i credenti una esplicita e sistematica condanna dei miscredenti, che sono definiti arroganti, ciechi e cocciuti per il fatto di non dare ascolto al messaggio di Maometto”, scrive l'autrice. Il testo sacro islamico, inoltre, chiarisce che “il Messia Gesù, figlio di Maria, non è altro che un messaggero di Allah”.

Interpretazioni più integraliste e più tolleranti di questi principi si sono sempre alternate nella storia, ma negli anni recenti sono le prime a fare notizia. Di conseguenza, in Occidente crescono timore e sospetto verso le locali comunità islamiche. “Il multiculturalismo, specialmente nella sua componente musulmana, è stato oggetto di crescenti critiche da parte di chi ritiene che abbia fallito e abbia piuttosto dato vita a un isolazionismo culturale, a sua volta responsabile della radicalizzazione di un numero crescente di giovani”, osserva l'autrice.

Ma quale base culturale ha, in particolare, il Califfato che si è autoproclamato rappresentante dei musulmani, con una propaganda improntata sul messaggio escatologico e sullo scontro finale contro gli infedeli? “C'è travisamento quando la violenza aggressiva della 'guerra santa' è presentata come l'unico possibile significato di jihad, alla luce delle azioni compiute dai gruppi militanti. Ma sarebbe altrettanto sbagliato negare che jihad può assumere anche un significato bellico”, spiega Mona Siddiqui, chiarendo che “la glorificazione del martire raggiunge il suo apice nelle raccolte di hadith”, cioè la seconda fonte di autorità dopo il Corano.

"La centralità assunta da molti hadith nelle società contemporanee rappresenta un tema delicato”, prosegue l'autrice “Come comportarsi, a esempio, con l'hadith in cui il Profeta ordina alla sua comunità di uccidere tutti gli apostati, o con quelli che descrivono la tenera età di Aisha, moglie del Profeta, al momento del matrimonio e della sua consumazione?”. È soprattutto in queste raccolte post-coraniche che trova la sua ispirazione l'islam politico di cui fanno parte "le tendenze ideologiche di stampo radicale e neo-fondamentalista in costante crescita tra i giovani musulmani” che “si caratterizzano generalmente per conservatorismo sociale, interpretazione letterale dei testi fondanti” e per “un approccio dogmatico alla sharia, che non tiene conto della varietà e della diversità delle interpretazioni che sono parte essenziale della letteratura giuridica”. L'esempio della Turchia è emblematico. “Secondo alcuni l'ordinamento sociale, scolastico e giuridico turco di impronta laica è seriamente minacciato”.

Grande attenzione nell'opera viene infine riservata alla “realtà vissuta dalle donne in molte aree del mondo islamico”, dove il Corano “è stato storicamente utilizzato per favorire, sia giuridicamente che socialmente, gli uomini”. Sono per fortuna sempre più numerose le voci che si levano contro la segregazione della donna, di cui abitudini e pratiche come il velo e il “triplo divorzio” sono gli aspetti più noti.

Alessandro Bassetta

titolo: Islam
categoria: Saggi
autore/i: Siddiqui Mona
editore: Dedalo
pagine: 208
prezzo: € 18.00