Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 2 - 7 feb 2018
ISSN 2037-4801

Recensioni

Osservare per proteggere
Saggi

Osservare per proteggere

Il volume 'Spaced: using earth observation to protect natural landscapes', dedicato all'uso dei dati satellitari nello studio delle aree protette europee, è uno dei prodotti del progetto di ricerca 'Ecopotential', coordinato dal Cnr nell'ambito del programma Horizon2020. Il libro è stato recentemente presentato al Parlamento europeo nell'ambito di una mostra dallo stesso titolo inaugurata il 9 gennaio 2018 e di un workshop dedicato. Tra gli autori, Antonello Provenzale e Maria Silvia Giamberini dell'Istituto di geoscienze e georisorse del Cnr; gli altri componenti del team di ricerca sono Björn Alfthan, Magnus Andresen, Palma Blonda, Cristina Domingo-Marimon, Joan Masó, Tina Schoolmeester.

Il volume si concentra su 24 aree protette e descrive una serie di scenari in cui i dati di osservazione della Terra, accompagnati da mappe visive che coprono l'intera estensione di ciascuna area protetta presa in considerazione, sono essenziali al monitoraggio del paesaggio naturale e alla pianificazione delle azioni di salvaguardia. I vari capitoli illustrano le molteplici opportunità offerte dal telerilevamento e come le varie tecniche vengano applicate in maniera estremamente diversificata per monitorare diversi aspetti degli ecosistemi e delle condizioni ambientali. Ogni tipo di ecosistema (montuoso, arido, costiero, marino) presenta diverse caratteristiche, problematiche e criticità ambientali, che vengono affrontate secondo approcci legati all'osservazione della Terra e all'analisi dei dati.

Tradizionalmente, le aree protette sono state gestite sulla base delle conoscenze e dei dati misurati in-situ, con set di informazioni spesso parziali e frammentari. Su queste basi avveniva la progettazione e applicazione di policy e misure di conservazione per preservare la biodiversità, l'integrità ecologica e i servizi ecosistemici.

I dati di telerilevamento acquisiti dai satelliti per l'osservazione della Terra (come la nuova flotta europea di Sentinel) rappresentano una tecnologia rivoluzionaria che, per la prima volta, offre ai gestori e ai decisori una visione d'insieme delle variabili geobiofisiche utilizzabili per valutare lo stato delle loro aree protette. L'uso e l'applicazione del telerilevamento richiedono nuovi strumenti e nuove competenze, che sono state sviluppate dalla comunità scientifica negli ultimi anni e che hanno raggiunto un adeguato grado di maturità per l'utilizzo operativo.

Questo libro illustra come l'osservazione della Terra da parte dei satelliti sia diventata uno strumento cruciale per ottenere una visione globale degli ecosistemi naturali e per monitorare i cambiamenti in corso e supportare strategie di conservazione e gestione basate sulla conoscenza.

Maurizio Gentilini

titolo: Spaced: using earth observation to protect natural landscapes
categoria: Saggi
autore/i: AA.VV
editore: Creaf-Ecological and Forestry Applications Research Centre
pagine: 67