Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 1 - 10 gen 2018
ISSN 2037-4801

Recensioni

Imparare a riconoscere le 'bufale'
Ragazzi

Imparare a riconoscere le 'bufale'

'Cacciatori di bufale' di Fulvia Degl'Innocenti e Chiara Segrè, l'una giornalista e l'altra biologa, sottolinea sin dall'introduzione che “con l'avvento dei social network, la diffusione di bufale è diventata ancora più semplice e capillare. Quando si naviga occorre aver un occhio ancora più attento e allenato, e farsi sempre delle domande in merito a ciò che stiamo leggendo, pensandoci bene prima di condividere un post o una notizia e quindi contribuire a espandere a macchia d'olio la frottola di turno”. Il volume, rivolto a studenti di scuola media ma anche a genitori e docenti, vuole quindi insegnare “a stare con la mente vigile e il naso per aria, in modo da saper annusare una frottola quando la avvistate e saperla così smascherare”.

Il testo si apre con la spiegazione del significato del termine 'bufala' che, secondo il Vocabolario della Crusca, “deriva dall'espressione 'menare per il naso come una bufala', ovvero portare a spasso qualcuno trascinandolo come si fa con i buoi e i bufali, per l'anello attaccato al naso”. Nella prima parte del libro si affronta il tema dell'origine delle 'bufale', che non sono una novità di oggi, ma erano diffuse in ogni periodo storico in tutti i campi del sapere: storia, arte, letteratura, geografia, scienze, fino ad arrivare alle leggende metropolitane. Basti pensare al presunto astronauta di Palenque scolpito su una tomba Maya che “ci sembra un astronauta perché oggi noi sappiamo cosa sono le astronavi”, così come un vaso precolombiano ci sembra un trattore “perché è un mezzo molto comune che vediamo nelle nostre campagne”. Quindi, consigliano le autrici, è opportuno “guardare alla storia con gli occhi giusti”.

Nella seconda parte vengono forniti gli attrezzi del mestiere e le spiegazioni per smascherare con facilità una frottola, “per diventare più consapevoli ma anche per far aprire gli occhi ai vostri amici e compagni”. Nella cassetta degli attrezzi di un 'indagatore del mistero' non possono mancare “le fonti, la raccolta delle prove, l'ipotesi, l'esperimento, il metodo scientifico, l'onere della prova, il rasoio di Occam”.

Visto che di false notizie ce ne sono moltissime, le autrici invitano i ragazzi a segnalarle e a raccontare come sono riusciti a smascherarle. Le segnalazioni verranno pubblicate sulla pagina 'cacciatoridibufale' sul sito delle edizioni Sonda.

Maria Adelaide Ranchino

titolo: Cacciatori di bufale
categoria: Ragazzi
autore/i: Degl’Innocenti Fulvia, Segré Chiara
editore: Sonda
pagine: 128
prezzo: € 14.00