Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 9 - 6 set 2017
ISSN 2037-4801

Recensioni

La scienza del pallone
Saggi

La scienza del pallone

Che il calcio sia uno sport 'scientifico' è vero in almeno due sensi. Intanto, perché innovazione e tecnologia svolgono un ruolo sempre più importante nel gioco, si pensi solo all'applicazione degli algoritmi nella valutazione dei calciatori, con la start up Wallabies, e al Var, il già contestatissimo sistema di supporto arbitrale da poco introdotto nel nostro campionato. E poi ogni tifoso si sente non soltanto il tecnico della nazionale, come si diceva un tempo, ma un vero e proprio 'scienziato', un esperto che pretende di dare alle proprie valutazioni su moduli e formazioni un valore oggettivo e assoluto.

Con spirito a metà tra serio e faceto Edoardo e Giovanni Boncinelli, il primo importante scienziato e divulgatore, il secondo architetto e appassionatissimo di football, ne 'Il Dna del calcio', affrontano gli aspetti 'scientifici' di questo sport, sottolineando per esempio come esso sia profondamente cambiato rispetto al passato anche per l'evoluzione fisica degli atleti. Fino a 30 anni fa erano brevilinei e tecnici, con una visione di gioco maggiore, più inclini alla fantasia e allo spunto del momento. Oggi sono più prestanti e meno abili con la palla tra i piedi e la loro materia grigia lavora più per automatismi. In realtà, l'altezza incide in modo diverso, spesso il baricentro più basso conferisce maggior agilità ma in altri casi la statura è di aiuto.

Il calcio si è dovuto adeguare a nuove generazioni di calciatori. Come si sono dovuti adeguare gli arbitri, sempre più allenati per reggere il 'ritmo partita'. Infine gli allenatori, che si sono trasformati in strateghi indiscussi e hanno modificato le loro attitudini per adattarsi alle nuove strategie di gioco, "La figura del mister ha assunto sempre più prestigio; oggi devono insegnare la tattica, non solo applicarla". Ma si pensi anche al 'fattore campo', che ispira tanti sentimenti di passione e rabbia, spesso e purtroppo anche di violenza, del quale gli autori confermano statisticamente la rilevanza: "Nella storia dei Mondiali solo il 35% delle volte la squadra di casa non si è classificata tra le prime quattro".

Elio Nello Meucci

titolo: Il Dna del calcio
categoria: Saggi
autore/i: Boncinelli Edoardo, Boncinelli Giovanni
editore: Sedizioni
pagine: 168
prezzo: € 18.00