Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 7 - 5 lug 2017
ISSN 2037-4801

Recensioni

Materialismo e medicina, realtà indivisibili
Saggi

Materialismo e medicina, realtà indivisibili

Nel volume 'Elogio della materia' Giorgio Cosmacini, medico, filosofo e docente di Storia della medicina e di Storia della scienza, indaga il termine e il concetto di materia, nati nell'antica Grecia dalla percezione sensoriale di ciò da cui siamo circondati, e l'ideologia che ne è successivamente scaturita, il materialismo. La materia si è trasformata via via nei concetti di “sostanza” per Aristotele, di “massa” secondo Newton, di “energia” per Einstein, e si è arricchita di attributi indicativi di un'ampia gamma di valori come la “materia medica” (farmacologia ante litteram) e la “materia grigia” (parte pensante del cervello). Diventa oggetto d'indagine per l'anatomia, che studia la struttura della materia del corpo umano, così come la fisiologia ne studia la funzione e oggi le neuroscienze indagano il rapporto mente-corpo o psiche-soma che rinnova quello anima-corpo.

Nel testo, dunque, si passa da un filone scientifico-medico a uno ideologico o, in senso più ampio, culturale. Si rivalutano e identificano i tanti significati legati al termine materialismo, si rintracciano le correnti di pensiero da esso scaturite, dando un senso positivo anche a frasi come “sei un materialista”, che nel linguaggio comune pesano come dispregiative.

Scrive Cosmacini: “È la conoscenza materialista del corpo umano che ha permesso di curarlo, sia dal punto di vista organico che psicologico”. Diventa indispensabile però che il medico non rinunci all'idea di essere anche un intellettuale, “bisogna essere comprensivi e sentire empatia con il corpo senziente e dolente del malato che impone di curare il suo dolore fisico e il suo dolore psichico”. Del resto, già Galeno nel II secolo d.C. diceva “Nullus medicus nisi philosophus” e questa suggestione percorre tutta la storia della medicina come un filo rosso. Pertanto, conclude lo studioso: “Un medico deve essere affidabile, e per essere tale deve essere competente, ma al contempo deve anche essere comprensivo: la medicina non è dimezzabile, altrimenti perde la propria identità”.

Elio Nello Meucci

titolo: Elogio della materia
categoria: Saggi
autore/i: Cosmacini Giorgio
editore: Edra
pagine: 156
prezzo: € 19.90