Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 26 mag 2010
ISSN 2037-4801

Libreria

Con Wired verso una rivoluzione tecnologica

Con Wired verso una rivoluzione tecnologica

Il 27 gennaio 2010 è stato presentato a San Francisco, in una conferenza mondiale, l'i Pad, la nuova creazione della Apple. Nel numero di maggio ‘Wired' -  la rivista nata negli Stati Uniti nel 1993 e arrivata nelle nostre edicole nel febbraio 2009  mantenendo anche in Italia le caratteristiche di punto di riferimento sulla tecnologia e sul rapporto tra questa e la cultura, l'economia e la politica - rende omaggio a questo dispositivo che, nonostante l'aspetto semplice ed essenziale, potrebbe aprire la strada a una nuova categoria di computer, i tablet. Attraverso il parere di dieci ‘big' dell' hi tech e della comunicazione, ne scopriamo le potenzialità e gli svariati campi d'uso.

È sempre più massiccia la diffusione dell'open source nel web, tanto da far parlare di una sorta di ‘socialismo digitale': un "socialismo senza stato", come lo definisce in un articolo Kevin Kelly, fondatore di Wired, le cui parole d'ordine sono condivisione, cooperazione, collaborazione e collettivismo.  A testimonianza di questa cultura partecipativa della rete, il mensile ha sviluppato una mappa in cui sono riportati 300 siti, i cui contenuti possono essere elaborati da tutti gli utenti.

Nelle mani dell'artista cinese Ai Wei Wei Internet è diventato strumento di democrazia per la lotta contro la censura. Nel suo blog, chiuso più volte dal governo cinese, sensibilizza i visitatori sui temi della libertà di espressione e dell'impegno civile. A Lisa Shannon, una ragazza dell'Oregon, va invece il merito di aver creato un sito che raccoglie fondi grazie ai quali aiuta le donne congolesi, vittime della guerra. A oggi le donne adottate sono 1.200. Esempi come questi si inseriscono nella campagna ‘Internet for Peace' promossa da ‘Wired' con l'obiettivo di candidare la rete al prossimo Premio Nobel per la Pace.

Ben 53 ore di diretta web per l'operazione di sezionamento del cervello più famoso della neuropsicologia: quello di Henry Molaison, un uomo colpito da un raro disturbo della memoria che gli impediva di fissare i nuovi ricordi. Un biologo italiano, Jacopo Annese, e la sua èquipe del Brain Observatory di San Diego, hanno avuto il compito di tagliare in 2.400 sezioni sottilissime il  suo cervello allo scopo di costruirne una mappatura digitale completa, che fornirà ai ricercatori ulteriori informazioni utili per comprendere i meccanismi della memoria.

Per tutti gli appassionati di ‘Lost', infine, i creatori svelano nelle pagine del magazine i retroscena e la filosofia, tra fisica e metafisica, che si celano dietro questa seguitissima nonché misteriosa serie, alla vigilia degli ultimi episodi.

Alessandra Lia

titolo: Wired
categoria: Rivista
autore/i: Luna Riccardo
editore: Cond Nast
prezzo: € 4.00