Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 8 - 3 ago 2016
ISSN 2037-4801

Recensioni

La produzione elettrica in Sardegna
Specialistica

La produzione elettrica in Sardegna

La Sardegna è una “regione molto estesa ma con bassa densità di popolazione, che pur avendo miniere di carbone inutilizzabile per la nascente industria siderurgica, quanto a produzione elettrica ha saputo ugualmente tenersi al passo delle altre regioni", si legge nella prefazione del volume 'Storia dell'elettrificazione della Sardegna', a cura di Fabrizio Benincasa dell'Istituto di biometeorologia (Ibimet) del Cnr.

La regione, fino al 1962, anno della nazionalizzazione delle imprese di produzione e di distribuzione dell'energia elettrica, ha avuto sistemi ben delineabili: fonti idriche nell'entroterra e termiche sulla costa, grazie al bacino del Sulcis, principale fonte di carbone nazionale per tutto il Novecento e oggi unica miniera attiva in Italia. Il carbone sardo non è stato sfruttato dall'industria siderurgica a causa della scadente qualità, che lo rende inadatto per gli altiforni, il grosso della produzione è stato perciò utilizzato per il riscaldamento e per la produzione di vapore, e quest'ultima è stata la prima convertita in elettricità; infatti le prime imprese a dotarsi di elettricità per l'illuminazione furono proprio le miniere del Sulcis.

La parte centrale dell'opera è di taglio socioeconomico. A partire dalla seconda rivoluzione industriale, passando per il Novecento, con la diffusione capillare dell'elettricità è stato possibile utilizzare questa fonte energetica come parametro per la qualificazione dello stato di fabbriche e industrie, fino ai primi anni del XXI secolo che vedono proliferare in Sardegna, come altrove, impianti di produzione di energia elettrica tramite fonti rinnovabili, in particolar modo eolica e fotovoltaica. Nel 2005, poi, l'European Union Emission Trading Scheme impone l'obbligo di valutare la quantità di CO2 in Tonnellata equivalente di petrolio-Tep (in inglese Tonne of Oil Equivalent-Toe) non immessa nell'atmosfera grazie all'impiego di fonti alternative.

La parte conclusiva del libro accoglie gli aspetti giuridici della produzione elettrica: la Sardegna ha potuto compiere determinate scelte pubbliche e favorire particolari comportamenti privati in quanto Regione a statuto speciale.

Federica Fumante

titolo: Storia dell’elettrificazione della Sardegna
categoria: Specialistica
autore/i: Benincasa Fabrizio (a cura di)
editore: Cnr edizioni
pagine: 168