Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 12 - 16 dic 2015
ISSN 2037-4801

Libreria a cura di Paolo Capasso

Osservare il mondo attraverso l’evoluzione

Osservare il mondo attraverso l’evoluzione

Sono passati più di 150 anni da quando il biologo e naturalista inglese Charles Darwin enunciò la sua teoria sull’evoluzione. Teoria che, decennio dopo decennio, discostandosi dal campo prettamente scientifico e biologico, è uscita dai laboratori ed è andata a impregnare altre discipline, dall’informatica alla musica, dalla medicina alla fisica. Nel suo ultimo saggio 'L’evoluzione è ovunque’, edito da Codice, il biologo e giornalista Marco Ferrari recupera appunto l’idea base darwiniana, in teorie e scoperte appartenenti anche a discipline lontane dalla biologia.

Nell’opera di Ferrari l’evoluzione assume un’aurea di concretezza: l’autore fa notare come ai giorni nostri possa essere applicata anche ad ambienti artificiali quali l'informatica, dove “le creature sono al contempo individui e istruzioni”, o alla letteratura, già analizzata in tal senso alla fine del secolo scorso, da Joseph Carroll. Ma l'evoluzione appare utile anche per comprendere appieno la musica e la religione.

L’evoluzione diventa un 'Mac Gyver’, che cerca di assemblare il meglio con quello che ha a disposizione o, come affermava lo studioso francese François Jacob, un 'bricolage’ con il quale la natura crea e sperimenta nuove forme, anche con fallimenti di cui la storia è piena, non per arrivare alla perfezione, ma per adattarsi alla sopravvivenza.Come sintetizza Ferrari: “Gli occhiali darwiniani permettono così di capire come le condizioni iniziali siano fondamentali, come il ruolo del caso non sia mai del tutto imprevedibile o negativo, come l’ambiente e la vita interagiscano in un gioco di feedback senza fine”.

Anna Maria Carchidi

titolo: L’evoluzione č ovunque
categoria: Saggi
autore/i: Ferrari Marco
editore: Codice
pagine: 220
prezzo: € 16.00