Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 22 apr 2015
ISSN 2037-4801

Libreria

L’universo autistico

L’universo autistico

Con 'Il bambino che parlava con la luce’, Maurizio Arduino, psicologo e psicoterapeuta, propone la sua chiave di lettura di un mondo misconosciuto, una realtà incomprensibile e impenetrabile, lontanissima, circondata da un’immaginaria e inaccessibile barriera che segna la linea di demarcazione tra normalità, o presunta tale, e diversità.

Il testo offre al lettore uno spaccato doloroso ma al tempo stesso permeato di speranze, attraverso la storia di quattro ragazzi affetti da autismo e trattati presso il Centro autismo e sindrome di Asperger di Mondovì (Cn) che lo stesso Arduino dirige. I dettagli di natura medico-scientifica restano però quasi sempre sullo sfondo e, quando necessario, vengono proposti al lettore in modo chiaro.

I protagonisti della narrazione sono persone in carne e ossa, con le loro forze e debolezze, colti nei momenti di gioia e di scoramento. Li avvolge una fitta nube di dubbi che nemmeno la scienza sa diradare completamente, dal momento che ogni persona affetta da autismo è un universo a sé stante, con specifici connotati: Silvio 'conosce’ il mondo attraverso i fasci di luce e i granelli di polvere che lo attraversano; Cecilia, socievole e caratterialmente mite, lo fa con corde o nastri in movimento; Elia si esprime mediante atti violenti, ma alla fine troverà, una propria dimensione nella corsa; Matteo, infine, ha una forma 'ad alto funzionamento’, che gli conferisce un’intelligenza e capacità di apprendimento di sopra della media e tali da consentirgli di laurearsi brillantemente in matematica.

Il deficit nelle relazioni sociali è, dunque, uno dei pochi elementi che accomuna i soggetti affetti da questa sindrome, oltre alla necessità di riportare tutti gli eventi all'interno di una coerenza meccanica e formale che, agli occhi dei cosiddetti normo-sviluppati, appare come una caratteristica più da automi che da esseri umani. Una quasi totale assenza di elasticità, flessibilità mentale e fantasia rende incomprensibili al soggetto autistico le regole non scritte che rappresentano l'humus delle relazioni sociali. Ne scaturiscono reazioni incomprensibili, ma solo se non si accettano diversi livelli di abilità, processi percettivi o apprendimento; in definitiva, diverse risposte comportamentali. Tutte meritano un percorso di apprendimento personalizzato, diverso non solo da quelli 'tipici’, ma anche da quello degli altri pazienti.

L’unico strumento a disposizione di chi vuole entrare in una dimensione così variegata e ricca di sfumature è dunque una sperimentazione continua, con ripetuti aggiustamenti in corso d’opera che, però, viene bruscamente interrotta al raggiungimento della maggiore età dei pazienti. Ciò che colpisce il lettore è proprio l’umiltà con cui l’autore affronta l’argomento e la sua disponibilità ad accettare ogni strategia innovativa che gli derivi dall’esperienza diretta delle famiglie dei pazienti.

Marco Serio

titolo: Il bambino che parlava con la luce
categoria: Narrativa
autore/i: Arduino Maurizio
editore: Einaudi
pagine: 290
prezzo: € 18.00