Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 1 - 28 gen 2015
ISSN 2037-4801

Libreria

Democrazia: istruzioni per l'uso

Democrazia: istruzioni per l'uso

Quanto apprezziamo che la società in cui viviamo, pur nella sua imperfezione, è tra le migliori? Che l’impossibilità di soddisfare le richieste di tutti è l’essenza stessa della democrazia e che il popolo è un 'padrone' difficile da servire? Quanto siamo disposti a mettere in discussione le nostre aspettative, a verificare se e quanto siano legittime e realizzabili?

A leggere il saggio del politologo Matthew Flinders 'In difesa della politica. Perché credere nella democrazia oggi’, viene il dubbio di aver frainteso il significato profondo della parola 'diritto'. E di aver dimenticato che ad ogni diritto necessariamente deve corrispondere una responsabilità. Il risultato è che siamo sempre meno impegnati sul piano civico e politico e che questo non fa altro che aumentare la distanza tra ciò che ci aspettiamo dalla politica e quello che essa è in grado di darci.

Secondo l’autore, la democrazia è oggi vissuta con un distacco sempre maggiore, motivato da una catena di malintesi da sciogliere. Ci aspettiamo molto ma riteniamo di ottenere poco e questo provoca la cosiddetta antipolitica, che il saggio definisce "gap delle aspettative". Il mercato ha imposto una “legge della domanda non-decrescente il che alle estreme conseguenze impedisce lo "stato finale di sazietà”. Il giudizio severo sull'inadeguatezza della politica, nasce dalla contaminazione con concetti fondati sul mercato ed entrati di prepotenza nella sfera pubblica. Ma anche i media hanno un ruolo importante nella costruzione di questa visione collettiva sempre più radicale e che rende precaria la visione che la collettività ha di se stessa.

Per sciogliere tali malintesi bisogna difendere la politica, da se stessa e dai grandi ideali, e riconoscerne invece i limiti, tra cui la necessità di imporre delle scelte impopolari. Ma, ancora più importante, bisogna comprendere che democrazia e libertà non sono sinonimi.

L’obiettivo ambizioso dello scrittore è trascinare il lettore verso una riflessione cosa significhi vivere in una società democratica che si fonda su un delicato equilibrio tra diritti e responsabilità. E, ammettere che per far funzionare tale sistema non basta avere dei leader illuminati, è necessario anche avere dei cittadini consapevoli delle loro responsabilità. Un rovesciamento di prospettiva e un invito a sviluppare un ragionamento alternativo a quello comune. Come scrive introducendo il testo, Gianfranco Baldini, la critica agli abusi e alle distorsioni della politica non deve diventare “una condanna della democrazia tout court”.

M. D. F.

titolo: In difesa della politica. Perch credere nella democrazia oggi
categoria: Saggi
autore/i: Flinders Matthew
editore: Il Mulino
pagine: 280
prezzo: € 20.00