Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 13 - 17 set 2014
ISSN 2037-4801

Libreria

La resistenza dopo l’armistizio del '43

La resistenza dopo l’armistizio del '43

L’armistizio dell’8 settembre 1943 ha segnato la storia dell’Italia: centinaia di migliaia di soldati italiani furono fatti prigionieri e deportati nei lager dagli ex alleati tedeschi, mentre molti altri furono uccisi negli scontri. Tre libri usciti di recente ricordano quei momenti, ai quali anche il Cnr ha dedicato due iniziative: un incontro sulle stragi di Cefalonia e Corfù, organizzato da Luisa De Biagi della Biblioteca 'G. Marconi’, e la presentazione di un museo reale e multimediale per commemorare gli Internati militari italiani (Imi) a cui partecipa l’Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali.

“Nessun paese ama ricordare le sconfitte. L’8 settembre è stata la grande censura nella coscienza degli italiani”, scrive Luca Borzani ne 'La guerra di mio padre’, testimonianza di un prigioniero di guerra raccontata tramite le lettere e il diario del protagonista, Giovanni Borzani, che vale però come quadro generale della drammatica esperienza vissuta dai militari nei campi di prigionia nazisti.

'Il diario dell’attesa’, a cura di Maria Trionfi, è invece la cronaca di una donna, Fedora Brenta Brcic, che attende il ritorno del marito deportato, l’ammiraglio Emilio Brenta, rendendo appieno l’angoscia provata da molti italiani per la separazione dai propri cari dopo l’armistizio. La moglie racconta la sua sofferenza e la sua 'lotta’ a Roma fra bombardamenti, rastrellamenti e le scarse notizie sul coniuge. “Sento sparare… La mente lavora, il cuore si schianta al pensiero del mio caro così lontano”. Mentre l’ammiraglio narra la sua vita nel lager di Schokken in Polonia: “Freddo, fame, malattie, privazioni di ogni genere, oscure minacce, false notizie congiurarono invano per minare la purezza della nostra fede”.

Il volume 'Né eroi, né martiri, soltanto soldati’, a cura di Camillo Brezzi, racconta invece le stragi delle isole Ionie con i contributi di vari studiosi. L’attenzione è rivolta non solo agli eventi ma anche al significato che questi, nel corso dei decenni, hanno assunto per gli italiani. In particolare, Giovanni Scotti sottolinea che “vengono solitamente ricordati i fatti svoltisi a Cefalonia ignorando spesso, o ponendo in secondo piano, quanto accaduto a Corfù”.

Jyotsna Alessandra Deswal

titolo: La guerra di mio padre
categoria: Narrativa
autore/i: Borzani Luca
editore: Il Melangolo
pagine: 181
prezzo: € 16.00

  

  

titolo: Il diario dellattesa
categoria: Narrativa
autore/i: Trionfi Maria ( a cura di)
editore: Bibliotheka
pagine: 476
prezzo: € 18.50

  

  

titolo: N eroi, n martiri, soltanto soldati
categoria: Narrativa
autore/i: Brezzi Camillo (a cura di)
editore: Il Mulino
pagine: 356
prezzo: € 28.00