Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 26 mar 2014
ISSN 2037-4801

Libreria

Il clima dalla 'Palla di neve' all'effetto serra

Il clima dalla 'Palla di neve' all'effetto serra

Cosa sappiamo dei cambiamenti climatici? Quanto influisce l'attività umana e cosa dobbiamo aspettarci per il futuro? Quali sono gli strumenti d'indagine? Per rispondere a queste e altre domande, ne 'Il mutamento climatico - Processi naturali e intervento umano', Antonello Provenzale, dell’Istitiuto di scienze dell’atmosfera e del clima (Isac) del Cnr, ci guida attraverso un viaggio interdisciplinare alla scoperta di un sistema complesso quale è il clima. Il volume, edito dal Mulino, presenta il punto di vista sull'argomento di studiosi di varie competenze, attraverso 15 saggi: non può infatti esistere una risposta semplicistica, viste le molteplici componenti in gioco.

Si inizia dal passato remoto della Terra. La particolarità del nostro clima, sottolinea Provenzale, risiede nella presenza dell'atmosfera, dell'acqua e degli organismi viventi, primo tra tutti l'uomo: ricostruirne la storia permetterebbe di trovare analogie con il presente e predire scenari futuri. Elisabetta Erba, del dipartimento di Scienze della terra dell’Università di Milano, mostra l'uso delle rocce come 'archivio' dei cambiamenti climatici, in un approccio geologico allo studio di due periodi di estremo freddo ed estremo caldo, la 'Terra palla di neve' e il 'Super effetto serra'.

Nella seconda parte si analizzano periodi a noi più prossimi, a partire dalla storia antica del Mediterraneo e del Vicino-Oriente, passando per l'età industriale, fino agli ultimi due secoli
con il saggio dell'archeologo Mario Liverani. Segue una sezione dedicata agli approcci concettuali, ai modelli e agli strumenti sviluppati negli anni, con contributi di climatologi e fisici. Nella quarta e ultima, infine, si parla di effetti del climate change e di strategie di adattamento alle condizioni attese nei prossimi decenni.

Se nel contributo di Paolo Bonasoni, dell’Isac-Cnr, e dei coautori si trattano gli effetti sugli ambienti di montagna, un interessante rapporto tra clima e sicurezza internazionale è al centro dell'intervento di Vinicio Pelino. Il tenente colonnello dell'Aeronautica spiega come nell'analisi geopolitica venga sfruttata la smart climatology, tecnica militare che vede il clima come moltiplicatore di instabilità e, dunque, come variabile da considerare nella previsione di eventuali conflitti.

La postfazione è affidata a Pietro Rossi, che, riconoscendo i limiti dell'attuale comprensione dei fenomeni climatici, invita a non ignorare il principio di precauzione, senza però cedere agli scenari apocalittici spesso prospettati.

Isabella Cioffi

titolo: Il mutamento climatico - Processi naturali e intervento umano
categoria: Specialistica
autore/i: Provenzale Antonello (a cura di)
editore: Il Mulino
pagine: 360
prezzo: € 28.00