Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 2 - 29 gen 2014
ISSN 2037-4801

Libreria

Canta Napoli... col Cnr

Canta Napoli... col Cnr

L’Istituto di studi sulle società del mediterraneo (Issm) del Consiglio nazionale delle ricerche ha appena pubblicato un e-book che raccoglie alcuni studi sul tema della Canzone napoletana. Gli articoli sono frutto del lavoro svolto da studiosi - provenienti da università, conservatori, enti di ricerca, biblioteche e archivi - che hanno affrontano il fenomeno in termini culturali e storici nel corso di quattro giorni di lavori congressuali.

“La ricchezza del Mediterraneo è il frutto della diversità dei suoi popoli e delle sue tradizioni” dice nella prefazione del volume Paola Avallone, direttore dell’Issm-Cnr. “Ma è proprio la musica a conservare la testimonianza di una cultura mediterranea nata dal confronto e dalle interazioni dei popoli. Se da un lato non esiste un genere di musica mediterranea tout court, è però possibile riconoscere nelle melodie dei singoli paesi caratteri e tonalità molto simili”.

Per le due curatrici del libro, Marialuisa Stazio e Anita Pesce, la musica napoletana, che concentra in sé le sonorità dei vari popoli mediterranei che si sono ritrovati a dominare, commerciare o semplicemente a passare per il Mezzogiorno italiano, è “heritage, patrimonio culturale immateriale dell’umanità e come tale va studiato, in tutti i suoi caratteri comuni e distintivi, nelle influenze reciproche e nelle identità culturali dei paesi europei del bacino del Mediterraneo”.

Il libro parte dalla musica ottocentesca e arriva a quella neomelodica recente. La progettazione e lo sviluppo dei contenuti multimediali dell’e-book sono stati curati da Antonio Marra. Il libro può essere liberamente scaricato dal sito dell’Istituto (www.issm.cnr.it) nella sezione ‘Libri digitali’, sia per intero sia per singolo contributo. I vari saggi sono integrati da rimandi a link su siti web esterni e a YouTube, offrendo al lettore una galleria davvero curiosa: da Funiculì Funiculà riarrangiata da Rimsky-Korsakov, a rare registrazioni d’epoca come Viviani in edizione Phonotype fino ai video 'promozionali’ per il mercato dei 'matrimoni’ dei moderni neomelodici.

Claudio Barchesi

titolo: La canzone napoletana. Tra memoria e innovazione
categoria: Multimediale
autore/i: Pesce Anita, Stazio Marialuisa (a cura di)
editore: Cnr-Issm
pagine: 470