Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 15 - 3 ott 2012
ISSN 2037-4801

Libreria

L'Italia spettrale di Avoledo

L'Italia spettrale di Avoledo

Anni '50 del nostro secolo: i pochi superstiti di una guerra atomica, avvenuta nel 2033, lottano per la sopravvivenza su un pianeta ormai distrutto. È lo scenario post-apocalittico descritto in 'Le radici del cielo' di Tuliio Avoledo, primo contributo italiano al progetto editoriale internazionale 'Metro 2033 Universe', curato da Dmitry Glukhovsky. Lo scrittore russo ha invitato i lettori a sviluppare storie sulla falsariga dei suoi romanzi 'Metro 2033' e 'Metro 2034', in cui si narrano le vicende dei sopravissuti al disastro nucleare rifugiati nella metropolitana di Mosca.

In 'Le radici del cielo' un manipolo di uomini si avventura in un viaggio impossibile da Roma a Venezia, tra esseri sovraumani e radiazioni letali. Vent'anni dopo la 'Tribolazione', così è chiamato il conflitto nucleare che ha trasformato la terra in un inferno di radiazioni e famelici mutanti, l'ultimo cardinale della chiesa si rifugia, insieme con uno sparuto seguito di Guardie svizzere e alcuni civili, nelle catacombe di San Callisto a Roma. Padre Daniels, unico membro della congregazione per la dottrina della fede, viene mandato a Venezia, accompagnato da una piccola scorta armata, con il compito di recuperare le reliquie del Tesoro della basilica di San Marco e l'ultimo Patriarca.

Una nuova glaciazione incombe sul pianeta e la missione esplora un'Italia spettrale abitata da mostri affamati e da piccoli gruppi di sopravvissuti che si arrabattano praticando cannibalismo e culti pagani.

La fantascienza post-apocalittica di Avoledo si distacca dalle proposte cinematografiche e dalla letteratura commerciale: i racconti e i flashback di Padre Daniels, protagonista e voce narrante del romanzo, stimolano infatti il lettore a riflessioni profonde. I personaggi della storia non rientrano nel canone eroico tradizionale del 'bello quindi buono' ma sono sporchi e maleodoranti, afflitti da malattie e spossatezza, come logico per una realtà in cui scarseggiano acqua potabile, cibo e cure mediche, mentre abbondano radiazioni letali e violenza.

Un lettore disincantato e pessimista potrebbe addirittura considerare questo racconto fantascientifico come terribilmente realistico.

Matteo Selmi

titolo: Le radici del cielo
categoria: Narrativa
autore/i: Avoledo Tullio
editore: Multiplayer.it
pagine: 438
prezzo: € 19.00