Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 9 - 23 mag 2012
ISSN 2037-4801

Libreria

La vecchiaia tra welfare e famiglia

La vecchiaia tra welfare e famiglia

Cosa vuol dire essere vecchi? E a quale età lo si diventa? In 'La terza età' Enrico Pugliese, ex direttore dell'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Cnr, analizza questa fascia anagrafica come prodotto della 'costruzione sociale', da un punto di vista economico-politico nella prima parte del libro e sociologico-culturale nella seconda. L'Italia è infatti uno tra i paesi più longevi al mondo e nel 2030, secondo l'Eurispes, avremo un anziano ogni tre cittadini.

Pugliese propone alcuni dati relativi al trentennio 1980-2010 che partendo dalla progressiva crescita della popolazione italiana ed europea over 60 evidenzia come ad essa siano inevitabilmente connessi alcuni aspetti della vita sociale, quali dolorose riforme pensionistiche e nuove dinamiche interne della famiglia.

Dalla seconda metà degli anni '90, in particolare, la spesa sociale destinata agli anziani è aumentata, nel nostro paese come in molti paesi dell'Unione. Tuttavia in Italia i "servizi di cura formali", soprattutto se di tipo pubblico, sono ancora poco sviluppati e "alle carenze dell'assistenza pubblica si aggiunge un panorama tutt'altro che incoraggiante delle strutture private". Ne consegue che spesso sono le famiglie a doversi occupare dei propri parenti più avanti con gli anni.

Il volume evidenzia inoltre come gli anziani continuino a rappresentare una quota rilevante tra i poveri, soprattutto quando vivono soli. Alla solitudine e all'emarginazione,  Pugliese, nel capitolo finale del libro, contrappone la visione positiva dell'invecchiamento attivo', del quale si è occupato recentemente un filone di letteratura con ricerche stimolate anche dall'Ue.

Gli elementi che contribuiscono alla costruzione sociale della vecchiaia variano in relazione alle epoche e ai contesti sociali. Se negli anni '30 l'invecchiamento veniva vissuto come un problema grave, oggi la valenza di tale condizione è radicalmente mutata. L'autore crede nel 'successful ageing', ovvero nella capacità di restare fisicamente autonomi e di vivere senza dover essere accuditi o aiutati per le necessità della vita quotidiana e rileva nello Stato lo strumento atto a garantire i servizi e l'assistenza necessaria a consentire una condizione d'indipendenza.

Antonietta Lorenzetti

titolo: La terza et
categoria: Specialistica
autore/i: Pugliese Enrico
editore: Il Mulino
pagine: 210
prezzo: € 13.00