Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 18 - 9 nov 2011
ISSN 2037-4801

Libreria

Un saggio in nome del padre

Un saggio in nome del padre

Il libro di Antonello Vanni, ‘Padri presenti figli felici', cerca di spiegare ai genitori i vantaggi di una paternità presente nella prospettiva della compiuta crescita psicologica, affettiva, relazionale e scolastica dei figli. In questi tempi di famiglie monoparentali - in Italia l'8.9% del totale - il problema si fa sentire. In generale, il padre è la figura che guida il figlio verso gli altri e il mondo; è colui che invita il giovane all'esplorazione graduale della realtà circostante, proponendo esperienze. Dove l'interazione padre-bambino è inconsistente o superficiale, il mondo esterno diventa fonte di insicurezza e stress, inducendo nei figli, con più facilità, comportamenti negativi: insicurezza, disistima, aggressività e atteggiamenti antisociali.

Come si fa quindi ad essere padri presenti? Quanto tempo dobbiamo dedicare ai nostri figli? Non è solo la quantità a contare, dice Vanni, "ma la qualità di questa esperienza, vale a dire l'intensità dei momenti condivisi". Conviene "evitare l'esposizione passiva alla Tv o ai videogiochi e preferire momenti in cui sia possibile fare qualcosa di concreto assieme", per esempio. "Il papà ha il compito di proporre ai figli attività ludiche significative dal punto di vista emotivo, affettivo e relazionale" e poiché da alcuni studi pare accertato che il ruolo paterno "è più determinante del contributo materno per il successo scolastico e professionale" ai padri viene chiesto di trascorrere il tempo con i figli "leggendo, studiando, e scrivendo con loro".

Per i maschi il papà è infatti il modello a cui rifarsi, non solo per imparare ad ‘essere uomini', ma anche per sviluppare l'interesse alla cultura. Per le femmine il papà è il primo ideale maschile. Una figura paterna negativa o assente può spingere verso la conflittualità e l'insofferenza. Come difendere i ragazzi da questi pericoli? Prima di tutto sostenendoli. "L'autostima dei figli cresce in relazione alle esperienze di crescita con cui vengono a contatto". Poi è importante insegnare fin dall'infanzia, con amore e tenerezza il rispetto di regole precise, che non prevedano deroghe. Le regole "definiscono un ambiente in cui c'è ordine fisico e psichico, garantendo sicurezza, benessere e rispetto per tutti i membri della famiglia". Occorre poi "premiare i comportamenti positivi" e far seguire adeguate ‘contromisure' a quelli negativi.

Il libro, a chi è già un padre presente, non svela segreti: conferma, rafforza. È però un utile lettura per chi ha bisogno di trovare nuove motivazioni e nuove gratificazioni. "Perché la paternità, profondamente vissuta, è il più grande investimento che un uomo possa fare per il bene della sua famiglia e per garantire ai suoi figli una crescita più serena sotto tutti i punti di vista".

Claudio Barchesi

titolo: Padri presenti figli felici
categoria: Saggi
autore/i: Vanni Antonello
editore: Edizioni San Paolo
pagine: 217
prezzo: € 14.00