Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 14 - 14 set 2011
ISSN 2037-4801

Libreria

Fassati: la medicina senza verità assolute

Fassati: la medicina senza verità assolute

Sin dal titolo, che allude al patema con cui il medico coscienzioso si avvicina al proprio mestiere ma sembra richiamare il romanzo d'appendice otto e novecentesco, il libro di Luigi Rainero Fassati ‘Gli incerti battiti del cuore', si caratterizza per un periodare rigorosamente didascalico e cronologico. A tratti, ricorda quasi i dialoghi dei serial televisivi, nei quali la narrativa predomina sulla scrittura, piegandola a una semplificazione assoluta e continua.

Si potrebbe osservare allora, pensando a nomi di medici-scrittori come Bulgakov, Cechov o Céline, che la letteratura è un'altra cosa, che il suo dovere è trarre ispirazione da un'esperienza umanamente così ricca come la medicina ma facendone ‘altro'. Fassati pare invece limitarsi a raccontare le esperienze del medico, correggendole con minimi elementi di fantasia ma rasentando il diarismo e concedendosi frequenti digressioni di carattere tecnico, quasi fossimo di fronte a wikipedia a uno dei tanti siti di informazioni sanitarie o al bugiardino di un farmaco.

A ben pensarci, però, c'è da chiedersi se questa cura nell'avvicinarsi al lettore sia un limite e non, invece, il commendevole tentativo di compensare la dolorosa e dannosa distanza che consuetamente separa pazienti e sanitari su un piano linguistico, prima ancora che culturale e scientifico. Il Fassati scrittore (e probabilmente anche il medico, già ordinario di Chirurgia, oggi dirigente impegnato nella prevenzione dell'epatite virale, autore di oltre 300 pubblicazioni specialistiche) probabilmente vuole soltanto far comprendere al malato e al lettore la complessa vicenda umana che retrosta alla medicina.

Nel perseguire tale già meritorio scopo, l'autore dimostra un'altra apprezzabilissima virtù, quella di non tentare di risolvere il mistero doloroso della malattia e della cura con l'agiografia o lo scandalismo: al paziente-lettore, Fassati confessa con sincerità che in medicina non è sempre possibile capire e raccontare la verità. Le storie de ‘Gli incerti battiti del cuore', divise in capitoli che non a caso portano nomi di persone e non di patologie, sono tutte in chiaroscuro, non sapremmo mai pronunciare un chiaro atto di condanna o assoluzione, né dire se siano finite male, bene o meno peggio di quanto sarebbe potuto.

Dal medico coscienzioso che opera come perito contro quello negligente, rischiando però così di rovinarne la vita e la carriera, alle ambasce che colgono i sanitari di fronte a un malato incurabile o che non vuol farsi curare, fino all'atroce scelta di chi sia il ricevente più meritevole di un organo che potrebbe salvare una vita. Le scelte non sono mai nette, la realtà in questi casi non può essere tagliata come un nodo.

Marco Ferrazzoli

titolo: Gli incerti battiti del cuore
categoria: Narrativa
autore/i: Fassati Luigi Rainero
editore: Longanesi
pagine: 201
prezzo: € 16.60