Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 13 - 27 ott 2010
ISSN 2037-4801

Libreria

Le metafore animali di Katherine Pancol

Le metafore animali di Katherine Pancol

Dopo lo straordinario successo di pubblico de ‘Gli occhi gialli dei coccodrilli', Katherine Pancol, giornalista e scrittrice francese nata in Marocco, torna con il secondo libro di una trilogia che potremmo definire ‘animale': ‘Il valzer lento delle tartarughe'. Come nel primo romanzo, la protagonista è la timida Josephine, divenuta scrittrice ricca e affermata, attorno a cui si muovono gli altri personaggi della storia: dalla sorella depressa Iris, alle figlie Zoé e Hortense, insicura l'una quanto determinata l'altra, dal cognato a una serie di abitanti dell'elegante quartiere parigino di Passy, agitato dal terrore per le aggressioni di un serial killer.

E le tartarughe? Il titolo è metafora di un tempo vorticoso di cui gli esseri umani faticano a tenere il passo. Lenti, ma ostinati come le tartarughe, i protagonisti del romanzo non indietreggiano di fronte a un mondo in cui per sopravvivere bisogna essere quanto meno corazzati come le testuggini.

Se l'ispirazione del romanzo a volte è ostentatamente balzachiana, alcune immagini, specialmente di Parigi e Londra, le città in cui si snoda la trama, rimangono un po' troppo da cartolina. Ma Katherine Pancol riesce comunque a consegnarci un gradevole libro di intrattenimento.

Luigi Rossi

titolo: Il valzer lento delle tartarughe
categoria: Narrativa
autore/i: Pancol Katherine
editore: Baldini Castoldi Dalai
pagine: 597
prezzo: € 20.00