Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 24 feb 2021
ISSN 2037-4801

Recensioni

Tra utopie e ucronie
Specialistica

Tra utopie e ucronie

I progressi della nostra era planetaria, con i potenti cortocircuiti tra la dimensione individuale e quella sociale, tra la portata locale e quella globale, ci pongono sempre più spesso, e sempre più ineluttabilmente, di fronte alla complessità. Una complessità che è sociale, epistemica, coscienziale e che investe la vita dell'Io e quella della collettività.

Gli effetti della pandemia, prodotta dal virus del 2020, modificando d'un colpo le nostre abitudini di vita, i nostri modi di vivere il tempo libero, di svolgere la nostra attività lavorativa, ma anche di rivedere le nostre concezioni dell'uomo, del mondo, della vita, ci spingono, singolarmente e comunitariamente, “ad imparare tutti insieme o nelle nostre solitudini il futuro”. Un futuro piuttosto “lontano da ogni nostra utopia e/o ucronia”, come avverte nella sua introduzione la curatrice del saggio “Impareremo il futuro tra utopie e ucronie” Antonella Pellettieri, dirigente di ricerca in Scienze del patrimonio storico culturale del Cnr e responsabile scientifica del progetto Mensale.

Si tratta di un caleidscopio di scritti a più voci (venticinque, complessivamente), che scrutano il fenomeno pandemico da vari punti di vista, offrendo dello stesso una “vision”, frutto di un'attenta ricerca condotta con una metodologia di lavoro a un tempo pluri-multi-inter-transdisciplinare. Ne emerge un'interpretazione dell'attuale condizione umana che ci invita a riflettere sulla precarietà della nostra vita e sulla necessità che l'uomo impari a immaginare la costruzione di nuovi mondi possibili.

Per informazioni: antonietta.pellettieri@cnr.it

Michele Pinto

titolo: Impareremo il futuro tra utopie e ucronie
categoria: Specialistica
autore/i: Antonella Pellettieri
editore: Mensale
pagine: 244