Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 11 - 29 set 2010
ISSN 2037-4801

Libreria

Il piccolo chimico diventa detective

Il piccolo chimico diventa detective

La figura dell'‘investigatore improvvisato' di recente affolla la letteratura italiana e non solo, proponendo personaggi più o meno convincenti. Alla schiera dei ‘detective fai da te' si aggiunge ora una nuova esponente, originale e decisamente simpatica: l'undicenne protagonista di ‘Flavia de Luce e il delitto nel campo dei cetrioli', del settantenne canadese Alan Bradey.

La vicenda è ambientata nell'Inghilterra degli anni '50, in una dimora vittoriana, Buckshaw, dove la ragazzina vive con il padre, un Colonnello con la passione per i francobolli, due sorelle più grandi e a lei ostili, Daphne e Ophelia, la governante e cuoca signora Mullet e il giardiniere e tuttofare Arthur Dagger, suo grande amico e alleato.

Flavia è vivace e intelligente, ama le buone letture, ma soprattutto ha una forte passione per la chimica, che esercita nell'attrezzato laboratorio lasciatogli dallo zio Tarquin (Tar), con tanto di "ampolle e fiale tedesche, microscopi tedeschi, uno spettroscopio tedesco, bilance di precisione provenienti da Lucerna e un tubo di Geisler tedesco, soffiato a bocca e dalla forma assai complessa, a cui Tar poteva collegare delle spire elettriche per studiare la fluorescenza dei gas".

Quando all'ingresso dell'edificio viene trovato un uccello morto con un prezioso francobollo nel becco e, poco dopo, nel giardino, vicino alle piante di cetrioli, il corpo senza vita di un uomo, la 'novella Marie Curie' deve far ricorso a tutte le sue nozioni scientifiche, oltre che al suo formidabile intuito, per risolvere il caso e tirare fuori di prigione il padre, sospettato dell'omicidio.

Personaggi ben disegnati nei tratti e nella psicologia, giusta dose di umorismo e ironia, stile brillante e atmosfera suggestiva fanno dell'opera una lettura gradevole che riconcilia con un genere letterario oggi troppo spesso infarcito di sangue e che si compiace per le scene macabre e truculente. Non è un caso che con questo titolo l'autore abbia riscosso un gran successo nei paesi anglosassoni e si sia aggiudicato il Dagger Award, premio letterario assegnato dalla britannica Crime's Writer Association al miglior libro giallo dell'anno. Non solo, presto il volume sarà tradotto in ventinove lingue, mentre negli Usa e in Canada è già uscito ‘The weed that strings the hangman's bags', un giallo che segna il ritorno in libreria della piccola Flavia De Luce, ancora alle prese con delitti e  misteri.

Rita Bugliosi

titolo: Flavia de Luce e il delitto nel campo dei cetrioli
categoria: Narrativa
autore/i: Bradey Alan
editore: Mondadori
pagine: 345
prezzo: € 17.50