Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 16 - 9 set 2020
ISSN 2037-4801

Recensioni

Particelle, una lunga storia
Saggi

Particelle, una lunga storia

Negli ultimi decenni, la ricerca in fisica delle particelle ha raggiunto traguardi notevoli, che meriterebbero di raggiungere un pubblico più vasto. La complessità dell'argomento, d'altra parte, rende difficile spiegare come sia stato possibile ottenere determinati risultati e perché abbiano suscitato tanto entusiasmo tra gli addetti ai lavori. A raccogliere la sfida è Ettore Gadioli, direttore della collana “Il nucleare” di Aracne editrice, con “La scoperta delle particelle subatomiche. Dal pione al bosone di Higgs”, un viaggio tra leptoni, adroni e quanti che ha inizio nella seconda metà del Novecento.

Fino alla prima metà del secolo scorso - spiega il fisico, già professore universitario - la ricerca sui costituenti della materia è stata caratterizzata dal consueto dialogo tra ipotesi ed esperimenti: da un lato le nuove teorie portavano alla progettazione di esperimenti che potessero confermarle (o smentirle), dall'altro era la necessità di dare ragione di alcune evidenze sperimentali a stimolare la formulazione di nuove ipotesi. Questa prima fase è stata già raccontata dall'autore nel precedente volume “La scoperta delle particelle subatomiche. Dall'elettrone al pione”.

Negli anni Sessanta, la diffusa convinzione dell'esistenza di un ordine fatto di simmetrie e leggi di invarianza ha ispirato le teorie che avrebbero dettato l'agenda della ricerca per gli anni successivi e che sono le protagoniste del libro: il modello a quark degli adroni, la teoria elettrodebole, il meccanismo di Higgs. La loro verifica sperimentale, oltre al lavoro collettivo di tantissimi ricercatori, ha richiesto acceleratori sempre più potenti, enormi rivelatori, strumenti di calcolo avanzati. Si pensi al più celebre tra i bosoni, teorizzato nel 1964 e confermato nel 2012 grazie a Lhc e al Cern.

Nel testo vengono descritte le proprietà delle diverse particelle, le ipotesi sulla struttura della materia e gli esperimenti che ne hanno permesso la verifica; per chi volesse saperne di più, ci sono due approfondite appendici. Pur non trattandosi di un testo rivolto agli specialisti, sono però probabilmente necessarie, o almeno utili, alcune conoscenze di base. Il lettore non addentro alla fisica moderna può però recepire i risultati importanti, sorvolando sui passaggi più tecnici. Infatti, la lettura, anche se potrebbe talvolta essere difficoltosa, non dovrebbe togliere nulla alla complessiva scoperta di un universo tuttora alquanto misterioso.

I. C.

titolo: La scoperta delle particelle subatomiche. Dal pione al bosone di Higgs
categoria: Saggi
autore/i: Gadioli Ettore
editore: Aracne
pagine: 180
prezzo: € 14.00