Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

N. 15 - 29 lug 2020
ISSN 2037-4801

Recensioni

Una mela al giorno… ma dipende
Saggi

Una mela al giorno… ma dipende

“La salute non è semplicemente assenza di malattie o infermità, ma uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale”. Questa è la definizione dell'Organizzazione mondiale della sanità che Adriana Albini, direttrice del laboratorio di Biologia vascolare e angiogenesi di Milano, riporta nella prefazione del volume “Il potere degli alimenti” di William Li, medico e scienziato statunitense. Nel manuale, edito da Mondadori, gli alimenti vengono ripensati secondo lo schema 5x5x5, che l'autore consiglia per prevenire le malattie e tutelare la salute.

Nella prima sezione Li spiega i cinque principali meccanismi di difesa dell'organismo: angiogenesi, rigenerazione cellulare, microbioma, protezione del Dna e immunità. L'angiogenesi contrasta ad esempio l'insorgere e l'avanzare del cancro, mentre il microbioma comprende le miriadi di batteri “buoni” che popolano il nostro corpo, la rigenerazione dei nostri organi “segue un suo ritmo peculiare: l'intestino tenue si rigenera ogni 2-4 giorni, i polmoni e lo stomaco ogni 8 giorni, la pelle ogni 2 settimane, i globuli rossi ogni 4 mesi, le cellule adipose ogni 8 anni, lo scheletro ogni 10 anni”.

Gran parte del volume è poi dedicata all'analisi degli alimenti e all'effetto che hanno sul fisico. Molte informazioni sono già note, come l'importanza di seguire una dieta a base di fibre e verdure, di evitare l'assunzione di cibi eccessivamente grassi e l'influenza dell'attività fisica sul metabolismo. Altre lo sono meno, come le varie curiosità nascoste tra le pieghe del testo: delle 7.500 varietà di mele esistenti, ad esempio, solamente tre o quattro sono positive per i sistemi di difesa naturali dell'organismo. Quindi, una mela al giorno… ma dipende.

“Sono più di un centinaio i cibi in grado di rafforzare la capacità del corpo di affamare il cancro e favorire l'angiogenesi. Tra questi la soia, i pomodori, i lamponi neri, la melagrana. E persino alcuni sorprendenti, come la liquirizia, la birra e il formaggio” o “bere all'incirca 5 birre a settimana”, che “sarebbe significativamente associato a una riduzione del 33% del rischio di cancro al rene”, mentre il vino rosso è un'ottima fonte di sostanze bioattive. D'altro canto, l'alcol è dannoso in eccesso e notoriamente, sottolinea Li, “la chiave è fare tutto con moderazione”. Tra le bevande, anche alcuni tè sembrerebbero i più favorevoli ai sistemi di difesa, mentre bibite zuccherate e gassate non aiutano certo. Le spezie come condimento sono associate a una serie di stimoli positivi, mentre un consumo eccessivo di sale “si associa a una sfilza di problemi di salute, dall'ipertensione a patologie cardiovascolari, all'aumento del rischio di cancro”. Le carni bianche sono in genere da preferire alle rosse, specialmente se lavorate (eccezione per alcuni prosciutti), mentre il pesce nelle donne “può ridurre del 26% il rischio di insorgenza di cancro al seno”. Ottimi alleati della salute anche cioccolato fondente e cacao amaro, peperoncino e olio evo.

La lista è insomma lunga e per ogni alimento l'autore analizza pro e contro. Tra i regimi alimentari più sani troviamo ovviamente la Dieta mediterranea, ma anche quella orientale, ricca di fibre e cereali. E lungo è di conseguenza il libro, che potrebbe dare qualche problema di disorientamento al lettore, posto davanti a molte alternative, contrapposizioni, oltre che a selezioni di particolari varietà che lasciano talvolta un po' perplessi.

Ma lo scopo principale dell'autore è diffondere un modo diverso di pensare alla nutrizione: il regime 5x5x5. La prima cifra rappresenta i diversi meccanismi di difesa del nostro corpo, la seconda il minimo di alimenti salutari da integrare durante la giornata fino al numero massimo di cinque volte, terza cifra della formula di Li. “Lo schema 5x5x5 è un metodo per mangiare per vincere la malattia, una strategia elaborata per coadiuvare i cinque meccanismi di difesa della salute inserendo un minimo di cinque alimenti salutari che già vi piacciono in pasti e snack, e integrandoli fino a cinque volte al giorno nelle occasioni che già avete di mangiare o fare uno spuntino”. Insomma, la promessa di combinare piacevolezza dell'alimentazione e salubrità: stare bene godendo della tavola, il sogno di tutti.

Il volume contiene anche una sezione dedicata all'organizzazione della cucina, con tanto di utensili e strumenti consigliati, mentre le ultime pagine del testo sono dedicate all'immancabile ricettario, dalla pasta al pomodoro agli spaghetti con cacao, calamari e peperoncino, che accentua il carattere molto “popolare” del libro. In appendice, lo schema con gli alimenti da considerare per seguire il metodo 5x5x5. Per fortuna l'autore non si spaccia come il guru di un metodo miracoloso. Li sottolinea a più riprese l'utilità, per il benessere psicofisico, di un'alimentazione corretta ed equilibrata, ma anche che “il cibo non si sostituisce alle cure mediche”, per quanto sostenga che si “può mangiare per vincere la malattia”.

Valentina Di Paola

titolo: Il potere degli alimenti
categoria: Saggi
autore/i: Li William
editore: Mondadori
pagine: 468
prezzo: € 20.00