Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 16 - 1 set 2021
ISSN 2037-4801

Divulgazione

Ecologia forestale e astronomia per un pubblico ampio

La Società italiana di selvicoltura ed ecologia forestale (Sisef), fondata nel 1995, è una società scientifica senza fini di lucro che promuove ricerche sul funzionamento degli ecosistemi forestali e sulla loro gestione sostenibile. La società, che comprende oltre 250 membri tra ricercatori, tecnici forestali e funzionari di enti territoriali, intende facilitare la collaborazione scientifica e tecnica in campo ecologico e selvicolturale sia a livello nazionale che internazionale, basandosi su principi di sviluppo sostenibile, di lotta alla crisi climatica e di conservazione della diversità biologica. La Sisef, articolata in quindici gruppi di lavoro tematici, si propone di incoraggiare e favorire: le ricerche e gli studi sulla struttura e la funzionalità degli ecosistemi forestali e sulla loro gestione sostenibile, ispirandosi ai principi dello sviluppo ecocompatibile e della conservazione della diversità biologica a livello genetico, di specie e di habitat; le ricerche e gli studi di dendrologia, arboricoltura da legno, pianificazione forestale e agroselvicoltura; le ricerche e gli studi sulla valorizzazione delle risorse forestali, con particolare riferimento alle utilizzazioni forestali e alla tecnologia del legno e dei prodotti legnosi; le ricerche e gli studi sui servizi ecosistemici connessi al bosco e alle piantagioni forestali, inclusi gli aspetti paesaggistici, sociali e culturali; la collaborazione tra i ricercatori, facilitando gli scambi scientifici a livello nazionale e internazionale, interessandosi anche degli aspetti didattici e formativi a livello universitario e post-universitario.

La società ha un magazine dedicato sul portale Lifegate ed  è attiva nella divulgazione e nella comunicazione scientifica attraverso un blog sul proprio sito web, una pagina Facebook e una Twitter (@SISEFTweet) e con l'organizzazione di eventi e webinar divulgativi, oltre che con un congresso biennale; il prossimo è previsto a Orvieto nel 2022. 

Astronomia Spiccia è nata come pagina Facebook nel 2017 e ha sempre avuto come obiettivo quello di incuriosire le persone e accompagnarle ad affrontare le prime nozioni nel mondo dell'astronomia amatoriale. La pagina è stata inizialmente pensata come pura finestra per la condivisione delle conoscenze apprese dal fondatore, Andrea Zullo, associatosi a un gruppo astrofili a Verona, ma in breve tempo il numero di utenti è cresciuto e sono iniziate le produzioni di video live, anche in collaborazione con alcune figure importanti: astrofotografi, ricercatori e divulgatori. Oltre al fondatore Zullo, entrano a far parte della pagina Davide Lavarini e Mattia Cipriani, il primo come astrofotografo, il secondo come moderatore e creatore di contenuti multimediali. La forza del format fino a oggi è stata la creazione di post significativi, con testi di veloce lettura e immagini a effetto. Attualmente la pagina raggiunge circa 15.000 persone settimanalmente, con numeri in crescita. Quest'anno verranno intervistati molti personaggi di spicco del settore  astronomico, tra i quali, Adriano Gaspani archeoastronomo, Umberto Battino astrofisico, Catalina Curceanu ricercatrice dell'Infn. Nel prossimo futuro verrà realizzato un “telegiornale spiccio”, in onda ogni primo giorno del mese, anche sulla piattaforma Youtube, con lo scopo di aggiornare mensilmente gli utenti sugli ultimi avvenimenti riguardanti Luna e pianeti visibili, missioni spaziali, letture consigliate, etc.

Grazie alla passione di Lavarini, la pagina ha iniziato inoltre a sviluppare e condividere l'approccio più pratico a questo mondo, mostrando le capacità fotografiche dei piccoli strumenti amatoriali. Cipriani e Zullo hanno colto la palla al balzo, portando il tutto a un livello più alto mediante lo sviluppo delle conoscenze nell'ambito dell'autocostruzione degli strumenti di osservazione. Le prossime dimostrazioni dal vivo troveranno il loro fulcro in questi progetti. L'intenzione è altresì di collaborare con un istituto o un ente locale, donando strumenti astronomici e, dove possibile, presentando l'astronomia tramite incontri formativi. Infine, è in fase di scrittura la Guida Spiccia, un libro guida per neofiti. Astronomia Spiccia vuole essere e rimanere un riferimento per i non addetti ai lavori che vorranno ampliare le loro conoscenze

R. B.