Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza

Archivio

N. 19 - 21 OTT 2020
ISSN 2037-4801

Rodari: che infanzia scientifica!

L'età dello sviluppo è quella della creatività, della narrazione e della curiosità che sono anche alla base della ricerca scientifica. Ecco perché, in occasione dei 100 anni dalla nascita, abbiamo dedicato questo numero dell''Almanacco della Scienza allo scrittore. Queste caratteristiche, però, si stanno accentuando in questo momento così delicato in cui tutti abbiamo “fame” di informazioni: l'importante è scegliere bene

di Marco Ferrazzoli

Nell'ippocampo il deposito dei perché

Cultura: La creatività è alla base dell'apprendimento infantile e dell'educazione, uno stimolo fondamentale per lo sviluppo positivo della personalità. Bambini e persone curiose conservano in un'area del cervello, con particolare efficacia, le informazioni raccolte durante le scoperte del mondo esterno. Ne abbiamo parlato con Antonio Cerasa, neuroscienziato dell'Istituto per la ricerca e l'innovazione biomedica del Cnr

di Marina Landolfi

Il vocabolario dei sentimenti

Salute: La narrazione delle favole ha sempre avuto un ruolo primario nello sviluppo cognitivo e affettivo dei bambini. Per Anna Lo Bue, neuropsichiatra infantile dell'Istituto per la ricerca e l'innovazione biomedica del Cnr, con la fiaba e nella fiaba il bambino riesce a dare un nome alle esperienze emotive della vita e alle modalità per accettarle

di Anna Capasso

Racconto a più mani

Opportunità: Questo l'obiettivo del progetto “La grande scrittura” per la diffusione e la valorizzare della cultura digitale. Organizzata dall'Associazione internazionale #DiCultHer, l'iniziativa editoriale è rivolta a studenti italiani che partecipano da remoto alla realizzazione di un romanzo collettivo, a sostegno del valore della lettura e della scrittura nell'educazione dei giovani. La call scade il 29 novembre

di Marina Landolfi

Un premio agli autori per bambini e ragazzi

Opportunità: Il 23 ottobre sarà consegnato il premio "Gianni Rodari città di Omegna", nel corso della settima edizione del Festival della letteratura per ragazzi che ogni anno nel mese di ottobre la cittadina piemontese sul lago d'Orta dedica al suo illustre concittadino. Organizzato dall'Assessorato alla cultura in collaborazione con il Parco della fantasia Gianni Rodari, il concorso è suddiviso in quattro sezioni: Albi illustrati, Fiabe e filastrocche, Romanzi e racconti, Rappresentazioni teatrali. Ogni vincitore di sezione riceverà un premio di 500 euro. Per la sezione Albi illustrati è prevista inoltre l'esposizione delle illustrazioni e/o di altre tavole che l'autore metterà a disposizione.

di M. L.

Vai al sito

Leggete ai bambini

Giornalista, scrittore e autore di programmi radiotelevisivi, Piero Dorfles conduce la trasmissione “Per un pugno di libri” di Raitre. Lo abbiamo incontrato al Monastero di Fonte Avellana, nelle Marche, in occasione del Festival di giornalismo culturale 2020 di cui è presidente

di Emanuele Guerrini

Un "fantastico" incontro

Cultura: A raccontarlo è Francesco Tonucci, ricercatore dell'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Cnr e disegnatore, che conobbe Gianni Rodari per il quale illustrò anche l'ultimo libro pubblicato in vita, “Parole per giocare”

di Francesco Tonucci

I racconti dei robot

Tecnologia: Sono protagonisti di molti racconti rodariani per l'infanzia, spesso presentati con caratteristiche e sentimenti umani. A questi aspetti è rivolta anche la ricerca scientifica, spiega Umberto Maniscalco, che ricorda come al Cnr-Icar si sia introdotto “il concetto di robocezioni, le sensazioni di cui il robot è cosciente e che influenzano i suoi comportamenti”

di Luisa De Biagi

Frankie hi-nrg mc racconta Gianni Rodari

Televisione: A cento anni dalla nascita, il documentario “Rodari 2.0 - Spazio alla parola” ripercorre la vita e l'eredità culturale dello scrittore italiano, proponendo le letture di Stefano Accorsi e le testimonianze di numerosi personaggi, oltre a materiale d'archivio. Il film è visibile in prima tv su laF (canale 135 di Sky) 

di Rita Bugliosi