Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza

N. 18 - 7 OTT 2020
ISSN 2037-4801

La gente siamo noi

Pandemia, ambiente, migrazioni: sono affari nostri. Alluvioni e contagi sono dovuti alla nostra indisciplina, oltre che alle avversità esterne. E i processi epocali vanno gestiti, non subiti o ignorati. Ecco perché dedichiamo questo Almanacco all'agricoltura, perché un equilibrio razionale tra uomo e natura è indispensabile se vogliamo un futuro sereno

di Marco Ferrazzoli

I braccianti tornano al centro dell'economia

Socio-economico: Il mondo rurale ha da sempre rappresentato uno dei capisaldi economici del nostro Paese, in particolar modo l'agricoltura, traino di filiere italiane importantissime e conosciute in tutto il mondo. A oggi, durante e dopo le misure legate all'emergenza sanitaria, numerosi sono stati i cambiamenti e i possibili sviluppi del settore. Ne abbiamo parlato con Lucio Pisacane, dell'Istituto di ricerche sulle popolazione e le politiche sociali del Cnr

di Naomi Di Roberto

Agricoltura 4.0: sostenibilità e innovazione

Tecnologia: “L'utilizzo armonico e interconnesso di diverse tecnologie finalizzate a migliorare resa e sostenibilità delle coltivazioni, qualità e condizioni di lavoro”, spiega Greta Falavigna dell'Istituto di ricerca sulla crescita economica sostenibile del Cnr, alla fine del 2019 ha visto 415 soluzioni proposte da 160 imprese

di Manuela Discenza

L'evoluzione lenta ma inarrestabile verso la precisione

Tecnologia: Nel nostro Paese, l'agricoltura sta diventando un settore innovativo, digitale e di precisione, supportato da una tecnologia sempre più all'avanguardia, che richiede nuove competenze e professionalità. Piero Toscano dell'Istituto di bioeconomia illustra cosa sta facendo il Cnr in questo ambito, grazie alla piattaforma AgroSat che utilizza i dati registrati dal programma europeo di osservazione della Terra “Copernicus”

di Stefania Petraccone

Meno opinioni, più curiosità

Ispettore del ministero delle Politiche agricole e scrittore, Antonio Pascale è un'anima multiforme e multimediale. Interessato alle tematiche più varie, collabora con diversi giornali e cura un blog in cui fa confluire i suoi diversi aspetti: scrittore, divulgatore e tecnico. Lo abbiamo incontrato per parlare di agricoltura, informazione, scuola e scrittura

di Manuela Discenza

Per una storiografia rurale

Specialistica: Annibale Mottana, Franco Salvatori e Roberto Reali del Dipartimento di scienze bio-oagroalimentari del Cnr sono i curatori di “Le fonti archivistiche dell'agricoltura italiana per la ricerca storico-geografica tra Otto e Novecento”, un volume che raccoglie gli atti del Convegno tenuto a Roma il 14 e 15 maggio 2019 dall'Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

di Mirna Moro

Cresce l'occupazione nel settore

 

Socio-economico: Malgrado l'emergenza Covid-19 e le condizioni climatiche sfavorevoli, il comparto nel Mezzogiorno ha mostrato performance positive, soprattutto grazie all'olivicoltura, creando nuovi posto di lavoro fra i giovani e soprattutto un incremento dell'imprenditoria giovanile. In crescita anche le immatricolazioni nelle facoltà del gruppo agrario. Ne abbiamo parlato con Antonio Coviello, economista dell'Istituto di ricerca su innovazione e servizi per lo sviluppo

di Mirna Moro

Sviluppare il settore del vino

Opportunità: C'è tempo sino al 21 ottobre per iscriversi al master sulla comunicazione e la valorizzazione del vino, organizzato dall'Università degli studi del Sannio di Benevento. Il corso, rivolto a laureati, prevede lezioni frontali, laboratori e stage per acquisire competenze comunicative e gestionali in ambito viticolo-enologico. Sono previste borse di studio

di Marina Landolfi

Al via il premio AgroInnovation Award

Opportunità: Aperta la call della quarta edizione lanciata da Image Line in collaborazione con l'Accademia dei georgofili e rivolta a studenti e ricercatori delle facoltà di agraria, che premierà le più innovative tesi di laurea e di dottorato del settore agricolo. I candidati devono presentare un progetto sull'innovazione digitale per una maggiore competitività delle aziende e per un futuro più sostenibile dell'agricoltura. Il premio prevede l'assegnazione di due riconoscimenti di 1.500 euro per le tesi di dottorato, categoria Agricoltura di precisione e Valorizzazione delle produzioni made in Italy. Otto i premi da 1.000 euro ciascuno per tesi di laurea magistrale sui seguenti temi: Sostenibilità degli agroecosistemi e protezione dell'ambiente; Agrometeorologia e gestione delle risorse idriche; Ingegneria agraria e meccatronica; Nutrizione delle piante; Difesa delle colture; Innovazione varietale e genomica; Zootecnia; Economia agraria. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 dicembre 2020.

Vai al sito

di M. L.