Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 19 - 21 ott 2020
ISSN 2037-4801

Editoriale

Rodari: che infanzia scientifica!

Abbiamo dedicato il Focus dell'Almanacco della Scienza on line da oggi ai cento anni dalla nascita di Gianni Rodari, per ricordare questo scrittore per l'infanzia. Uno spunto per esaminarne l'opera e i temi affrontati con l'aiuto dei ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche e un'occasione per riflettere su infanzia, lettura, scuola e formazione in un momento molto delicato.

Purtroppo sappiamo bene che la didattica spesso agisce da paradossale “vaccino”, per cui diventando adulti si legge di meno (e si fruisce genericamente di meno cultura) e che quindi sono molte le case in cui non esiste l'oggetto libro, nemmeno come soprammobile: ne parliamo in questo numero con Piero Dorfles e Lella Mazzoli, rispettivamente presidente e direttore (con Giorgio Zanchini) del Festival di giornalismo culturale (Fgcult), del quale siamo media partner. Nell'ambito dell'ultimo Fgcult è stata presentata un'indagine su “La scienza e il Covid-19”, che ha confermato ed evidenziato alcuni aspetti, tra cui il calo della stampa cartacea e della radio (quest'ultima penalizzata dai minori spostamenti in auto) a vantaggio di Internet, in particolare di siti “specialistici” e istituzionali, e della televisione, soprattutto all news. Tutto sommato, una positiva ricerca di fonti considerate affidabili con un buon grado di soddisfazione dell'utenza, ovviamente più desiderosa di informarsi, dato il periodo di crisi: certo, restano alcuni paradossi come quello della contestuale preoccupazione per le fake news e della convinzione di essere in grado di riconoscerle.

Non si deve però credere che il rapporto sia lineare e che i mass media fungano solo da mezzo di rappresentazione della realtà, poiché è ben noto quanto contribuiscano a determinarla. Sempre durante il Festival, in un dibattito cui hanno partecipato anche l'immunologa Antonella Viola e i giornalisti Daniela Minerva e Giuseppe De Bellis, il genetista Giuseppe Novelli ha riferito come l'attenzione per le sue ricerche sugli anticorpi monoclonali sia esplosa dopo che Donald Trump ne aveva annunciato l'utilizzo.

Ma torniamo a Rodari. Nel Focus lo si ricorda con una testimonianza diretta e con alcune riflessioni sul ruolo che robot e cibo assumono nelle sue favole, mentre altri interventi esaminano gli aspetti della creatività, della narrazione e della curiosità nell'apprendimento e nello sviluppo dei bambini, in questo molti simili agli scienziati. Sullo scrittore troverete poi Recensioni, Video e altri articoli. Buona lettura, dell'Almanacco e non solo!

Marco Ferrazzoli