Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 5 giu 2019
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Marina Landolfi

Università ed Enti

Destinazione impresa intelligente

Lo scorso maggio si è svolto a Milano l'incontro 'Destinazione impresa intelligente', organizzato da Sap, leader nel settore di software applicativi per le aziende che fornisce soluzioni e servizi legati all'enterprise software per la gestione di computer e dispositivi mobili, e International Data Corporation (Idc), società specializzata a livello mondiale in ricerche di mercato, consulenza e organizzazione di eventi nei settori Ict e dell'innovazione digitale.

L'evento era incentrato sulle sfide che attendono le imprese italiane nel terzo millennio, a partire dalla competizione digitale. Dirigenti di piccole e medie aziende provenienti da settori diversi - dall'agro-alimentare al il packaging fino alla realizzazione di macchine per la produzione industriale - hanno messo in evidenza l'importanza dei software Erp (Enterprise Resource Planning) basati su Cloud che integrano in tempo reale tutti i processi di business aziendale, consentendo all'imprenditore la progettazione di nuovi prodotti e servizi costumer made e la previsione dell'andamento del mercato attraverso i Big Data.

Per l'Idc le imprese che mostreranno concretamente la capacità di impiegare il dato come fattore produttivo potranno diventare imprese intelligenti, prevedendo che, entro il 2020, il 50% delle aziende userà soluzioni di analisi dei dati per ridurre i costi operativi e comprendere quali tendenze avranno impatto sulle performance future. “L'integrazione tra i dati operativi (O data) e quelli esperienziali (X data) è il sogno e l'incubo di ogni azienda”, afferma Fabio Rizzotto dell'Idc. “Un'impresa può infatti dimostrare agli investitori che sulla base degli 'O data' è la leader di mercato, ma se gli 'X data' la fanno percepire dal pubblico come inaffidabile, sfruttatrice del lavoro minorile nei Paesi in via di sviluppo o insensibile ai problemi ambientali, presto questo gap sarà colmato a discapito dei margini operativi e di un'immagine aziendale dalla scarsa moralità, non appetibile per molti manager”.

Durante l'incontro sono state affrontate varie tematiche, tra cui: le piattaforme e le tecnologie per le imprese intelligenti, i dati come leva competitiva e le nuove tendenze internazionali delle imprese per affrontare la trasformazione in Intelligent Enterprise. È emerso come sia fondamentale per le aziende prepararsi al cambiamento prima che esso avvenga, ma soprattutto prima che ci arrivi la concorrenza, in attesa che maestranze e innovazione, dopo un primo momento di assestamento, portino a una crescita e a una maggiore ricchezza per tutti.