Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

N. 12 - 5 dic 2018
ISSN 2037-4801

Focus - I giovani e la ricerca  

Agroalimentare

Xylella, una storia di 'alternanza'

Il progetto 'Xylella fastidiosa in Puglia', incentrato sul batterio killer che sta flagellando gli ulivi di gran parte della Puglia da oltre cinque anni, è stato oggetto di un percorso di Alternanza scuola-lavoro (Asl) che ha coinvolto i ragazzi della 4a C del liceo scientifico G. Galilei di Bitonto (Ba), guidati dall'insegnante di scienze Irene Elia, in partnership con l'Istituto per la protezione sostenibile delle piante (Ipsp) del Cnr e con la  collaborazione di Donato Boscia e Pierfederico La Notte, ricercatori del Cnr-Ipsp della sede di Bari. Il percorso formativo conclusosi a marzo 2018 ha previsto diverse attività tra lezioni in aula, esperienze di laboratorio e sopralluoghi sul campo.

“Le lezioni frontali sono state finalizzate a illustrare ai ragazzi lo stato dell'arte sullo studio della malattia e i metodi di lotta e contenimento della stessa”, spiega Loredana Barbarossa, ricercatrice che ha ricoperto il ruolo di tutor esterno del progetto. “Grazie a questa esperienza i ragazzi hanno avuto la possibilità di conoscere le più recenti tecniche di laboratorio impiegate per la diagnosi e il monitoraggio della malattia. Due uscite nei campi d'ulivo del Salento, dove nel 2013 fu rilevato il primo focolaio di Xylella fastidiosa, sono state decisive per constatare i danni causati dalla fitopatia di 'disseccamento rapido dell'olivo'. In quest'occasione, gli studenti hanno assistito ad alcune sperimentazioni in atto per la ricerca di soluzioni sostenibili e hanno incontrato diversi agricoltori della filiera olivicolo-olearia e operatori dell'informazione”.

Le conoscenze acquisite nel percorso in collaborazione con i ricercatori baresi del Cnr-Ipsp sono confluite nella realizzazione del multimediale 'Xylella…Forse siamo ancora in tempo'. “Gli studenti sono diventati, così, veri e propri divulgatori in grado di dialogare con i produttori olivicoli/oleari del comune di Bitonto, informandoli sull'emergenza fitopatologica in atto e sulle misure obbligatorie di contenimento del rischio”, conclude la ricercatrice. “L'esperienza formativa è stata per i ragazzi non solo l'occasione di approfondire un tema di attualità, ma anche un modo di comprendere il valore della scienza attraverso il confronto diretto con i ricercatori impegnati nel settore della lotta alla Xylella”, conclude Barbarossa. “Hanno compreso come la ricerca scientifica sia il principale strumento per fronteggiare l'emergenza e come informazione e divulgazione siano importanti mezzi di sensibilizzazione alla necessità di svolgere attività di sorveglianza e prevenzione”.

Da questo confronto è scaturita inoltre la proposta di costituire una task force aperta alle amministrazioni comunali dell'Area metropolitana di Bari e finalizzata alla messa a punto di una strategia collettiva per fronteggiare la diffusione del batterio killer.

Nicoletta Guaragnella

Fonte: Loredana Barbarossa, Istituto per la protezione sostenibile delle piante, tel. 080/5443070 , email loredana.barbarossa@ipsp.cnr.it -