Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 6 giu 2018
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Marina Landolfi

Università ed Enti

Il bello in un festival

Si svolge fino all'8 giugno, presso l'Università di Camerino (Unicam), il festival 'Il bello di Unicam' dedicato alle eccellenze dell'Ateneo marchigiano, in ricordo della giornalista Rai Maria Grazia Capulli, che aveva posto la comunicazione del bello al centro del suo lavoro. L'obiettivo è far emergere la qualità e la positività dei risultati ottenuti da Unicam in ambito nazionale e internazionale, e di sottolineare il confronto con il mondo accademico. “Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa perché è arrivato il momento di evidenziare e far emergere quanto di positivo gli Atenei e i Centri di ricerca italiani stiano dando al Paese”, afferma il Rettore Claudio Pettinari. "Lo facciamo partendo da noi, da un'analisi non autoreferenziale ma oggettiva delle eccellenze del nostro Ateneo, per poi spaziare ed evidenziare il tanto di bello che c'è nelle altre esperienze”.

In programma, seminari, convegni, tavole rotonde, dibattiti e spettacoli, per dimostrare che la scienza si può comunicare in molti modi, con autorevolezza. Ogni giornata è incentrata sugli aspetti specifici che caratterizzano l'Università di Camerino: ricerca, didattica, innovazione e trasferimento tecnologico, comunicazione scientifica e la Scuola di studi superiori 'Carlo Urbani'. All'appuntamento del 4 giugno, intitolato 'Il bello della ricerca', è seguito l'incontro sui temi della scienza con la presentazione della prima Summer School in comunicazione scientifica delle Marche. L'innovazione è il tema proposto per il 6 giugno, seguito dallo sviluppo sostenibile e dalle attività della Scuola di studi superiori 'Carlo Urbani', con un talk show finale. In chiusura di manifestazione è prevista la presentazione del nuovo corso di laurea in Scienze gastronomiche e il concerto serale del premio 'Massimo Urbani', il concorso internazionale per solisti che dal 1996 scopre i giovani talenti del jazz.

Tra gli ospiti della manifestazione, Gaetano Manfredi, presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane, i presidenti del Consiglio nazionale delle ricerche dell'Istituto nazionale di fisica nucleare Massimo Inguscio e Fernando Ferroni, oltre a scienziati e ricercatori di profilo internazionale.