Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 11 apr 2018
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Marina Landolfi

Università ed Enti

In viaggio per proteggere il cuore

Un grosso camion autosnodato ospita un vero e proprio centro diagnostico mobile, capace di raggiungere decine di città in tutta Italia: la 'Fondazione per il tuo cuore-Hcf onlus' dell'Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri ha riacceso i motori del suo jumbo truck appositamente allestito per dar vita alla seconda edizione del progetto itinerante nazionale di prevenzione cardiovascolare, denominato 'Truck tour Banca del cuore 2018'.

Il viaggio del jumbo truck sarà lungo, sia in termini di percorso sia come durata: saranno ben 32 le città raggiunte negli 8 mesi di attività del centro diagnostico mobile che, da aprile fino a novembre, toccherà tutto lo Stivale. A ogni sosta sarà possibile accedere a uno screening cardiologico gratuito, per un'attività di controllo di eventuali disturbi o per un check-up delle condizioni di salute del cuore. Il centro mobile assicura infatti uno screening di prevenzione cardiovascolare comprensivo di esame elettrocardiografico e screening aritmico; permette una stampa dell'elettrocardiogramma con tutti i valori pressori e anamnestici; effettua uno screening metabolico con il rilievo di 9 parametri con una sola goccia di sangue (colesterolo totale, trigliceridi, colesterolo Hdl, colesterolo non Hdl, colesterolo Ldl, rapporto colesterolo Hdl/Ldl, glicemia, emoglobina glicata e uricemia).

Il centro diagnostico consegna la stampa del profilo glicidico, lipidico, uricemico e del rischio cardiovascolare, mettendo il cittadino a conoscenza della propria situazione di salute e degli eventuali rischi a cui potrebbe andare incontro in caso di cattive abitudini alimentari e di stile di vita non corretto. Per aiutare a mantenere il cuore in buona salute, il Truck tour offre ai visitatori un kit di opuscoli di prevenzione cardiovascolare, realizzati dalla Fondazione per il tuo cuore. Innovativa è la consegna della card BancomHeart, una carta gratuita che consente a ogni visitatore di accedere, attraverso una password personale, a una banca dati che conserva il proprio elettrocardiogramma, i valori di pressione arteriosa, le patologie sofferte, le terapie praticate e tutti gli esami eseguiti. È pertanto possibile, in ogni momento della giornata e ovunque ci si trovi, connettersi a questa Banca del cuore per consultare o scaricare i propri dati clinici.

“Secondo uno studio dell'Osservatorio epidemiologico cardiovascolare, le malattie cardiache e l'ipertensione arteriosa colpiscono in Italia il 51% degli uomini e il 37% delle donne nella fascia di età tra 35 e 75 anni. Inoltre, secondo il censimento Istat, le malattie cardiovascolari rappresentano circa il 44% di tutte le morti, con un tasso medio di 148 morti l'anno ogni 100.000 abitanti”, spiega Michele Gulizia, direttore di Struttura complessa di cardiologia presso l'ospedale Garibaldi-Nesima di Catania, presidente della Fondazione per il tuo cuore e ideatore del Progetto nazionale di prevenzione cardiovascolare Banca del cuore.

“Il truck tour Banca del Cuore ci permette di andare direttamente a casa degli italiani, per svolgere questo screening gratuito di prevenzione cardiovascolare”, prosegue Gulizia. “Fino a oggi, grazie a diffusione capillare dell'iniziativa, sono state distribuite oltre 26.000 BancomHeart ad altrettanti italiani, permettendo di individuare un aumento di alcune malattie cardiovascolari, soprattutto fibrillazione atriale e scompenso cardiaco. Molte morti e malattie cardiovascolari che causano invalidità possono essere evitate attraverso un impegno maggiore sulla prevenzione”.

La campagna ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri, del dipartimento nazionale di Protezione civile e di Federsanità-Anci, ed è sostenuta interamente dalla Fondazione per il tuo cuore Hfc onlus e da un parziale contributo istituzionale non condizionante di Menarini industrie farmaceutiche, Philips e Sanofi.