Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 6 apr 2016
ISSN 2037-4801

Focus - Anniversari  

Ambiente

Chernobyl: gli effetti dopo 30 anni

Il 26 aprile 1986 è la data divenuta tristemente famosa a causa dell'incidente avvenuto nella Centrale nucleare di Chernobyl. Nella notte venne condotto sul reattore numero 4 un test sperimentale volto a garantire l'erogazione dell'energia elettrica utile a mantenere costante la temperatura e la quantità del liquido refrigerante anche in caso di un guasto al sistema che svolge questa funzione.

“La richiesta dell'autorità di controllo di Kiev di ritardare di alcune ore il test fece sì che il personale appositamente addestrato fosse ormai fuori turno. Inoltre, il funzionamento prolungato del reattore, in condizioni inusuali di potenza ridotta, ne determinò il comportamento instabile”, spiega Carlo Sozzi dell'Istituto di fisica del plasma (Ifp) del Consiglio nazionale delle ricerche. “Il personale di turno effettuò a questo punto una serie di manovre, per ristabilire il livello di potenza richiesto per l'esperimento, escludendo gran parte dei sistemi automatici di sicurezza”.

A causa di queste anomalie, lo spegnimento d'emergenza provocò un incremento transitorio della potenza di 10 volte superiore al normale e la temperatura aumentò al punto da causare l'esplosione del circuito di raffreddamento. “A rendere ancora più grave l'evento, fu l'assenza di un appropriato guscio di contenimento per il reattore e il ritardo con cui furono prese le misure atte a proteggere la popolazione e i lavoratori intervenuti”, aggiunge il ricercatore Cnr. “Oggi sono ancora in funzione 11 reattori dello stesso tipo nel territorio dell'ex Unione Sovietica a cui sono state apportate significative modifiche in seguito all'incidente di Chernobyl. Nel mondo sono in esercizio 442 reattori, con elevati standard di sicurezza, nei quali gli incidenti anche di piccolo rilievo sono estremamente rari”.

L'esplosione del reattore comportò la fuoriuscita di una nube di materiale radioattivo e di combustibile, che contaminò la zona circostante. A diffondere il materiale fuoriuscito nel resto dell'Europa contribuirono anche le precipitazioni dei giorni successivi all'incidente. L'incidente ha avuto per anni ripercussioni sull'ambiente e ancora oggi, a 30 anni dal disastro, sono rintracciabili le conseguenze. “L'incidente di Chernobyl comportò la fuoriuscita e la dispersione di molti radionuclidi, alcuni dei quali possono ancora essere trovati nelle aree più colpite dalle ricadute. Tra i più 'longevi', il Cesio-137 che ha un tempo di dimezzamento di 30,07 anni, ciò significa che ora, la sua attività si è solo dimezzata”, afferma Chiara Cantaluppi dell'Istituto per l'energetica e le interfasi (Ieni) del Cnr. “Il Cesio-137 residuo si trova in buona parte fissato nel suolo, in una forma poco o per nulla biodisponibile, cioè non più assorbibile da parte della vegetazione, quindi non entra più nella catena alimentare”.

Tuttavia, concentrazioni elevate di alcuni radionuclidi possono ancora essere rilevate in alcune specie di frutti di bosco, funghi e muschi spontanei o in alcune specie di selvaggina che si nutre di prodotti del sottobosco. “Nel 2013 in alcuni campioni di carne di cinghiale provenienti dalla Val Sesia e dal Friuli Venezia Giulia - aree alpine note per la maggior contaminazione del suolo in seguito all'incidente - fu registrata la presenza di Cesio-137”, precisa Cantaluppi. “Anche ipotizzando un elevato consumo annuo, considerando le concentrazioni di Cesio-137 più elevate registrate, si rimarrebbe comunque al di sotto della soglia di rilevanza radiologica”. La contaminazione da Cesio-137 riguarda anche il pellets di importazione: il problema fu segnalato in Italia nel giugno 2009 su una partita proveniente dalla Lituania.

Benedetta Scifo

Fonte: Chiara Cantaluppi, Istituto per l'energetica e le interfasi, Padova , email chiara.cantaluppi@ieni.cnr.it - Carlo Sozzi, Istituto di fisica del plasma "Piero Caldirola", Milano, tel. 02/66173234 , email sozzi@ifp.cnr.it -