Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 9 - 23 set 2015
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Emanuele Guerrini

Tecnologia

Closeye: il guardiano spaziale

Il progetto europeo 'Closeye’, coordinato per l’Italia dall’Agenzia spaziale italiana (Asi), è dedicato alla ricerca di tecnologie e soluzioni innovative per il controllo delle frontiere e la sorveglianza marittima. Attualmente in fase di sperimentazione, il progetto è stato sviluppato per rispondere alle esigenze connesse al controllo della pressione migratoria dalla costa nordafricana. Con l’obiettivo di dotare l’Unione Europea di un sistema operativo e tecnico per il monitoraggio dei confini meridionali, 'Closeye' punta al miglioramento della capacità di reazione delle autorità competenti nel controllo delle frontiere.

Tracciati radar, immagini ottiche e Sar (Synthetic Aperture Radar) da mezzi aerei vengono raccolti e inviati, grazie al satellite italo-francese Athena Fidus, direttamente al centro della Marina militare. La sperimentazione permette, durante tutta la fase di test, una condivisione ampia e veloce dei dati strategici con i principali enti coinvolti nella sorveglianza costiera, direttamente dagli scenari operativi al centro di raccolta nazionale. In questo modo, grazie alla banda larga del satellite, è possibile avere comunicazioni costanti che possono ovviare a problemi legati alle comunicazioni satellitari commerciali o di rete fissa.

Una delle sperimentazioni di 'Closeye’ coordinate dell’Asi è in corso tra l’Isola di Pantelleria e il centro operativo (Cincnav) della Marina militare ed è realizzata nell’ambito della fase di test, in vista della validazione di scenari pre-operativi per il controllo delle frontiere. Il satellite Athena Fidus, basato su tecnologie derivate dal settore civile, realizza una rete di telecomunicazioni per usi militari e civili governativi (sicurezza, vigili del fuoco, carabinieri, ecc.) indipendente da quella terrestre, in grado di operare in condizioni di calamità, in caso di interruzione delle reti convenzionali e fornisce comunicazioni sicure in caso di operazioni su territorio estero.

E.G.